Lo Ial e la sorte dei lavoratori, concluso l’incontro con i sindacati. Scilabra intanto annuncia controlli a tappeto

 

scilabraSi è concluso l'incontro tra l'assessore alla Formazione Nelli Scilabra e i sindacati,per dicutere e trovare la soluzione migliore per salvaguardare le centinaia di lavoratori dello Ial, che saranno trasferiti al Ciapi di Priolo, l'unico Ciapi rimasto in vita.

"Siamo a difesa della legalità e dei diritti dei lavoratori - ha detto l'assessore - se un ente riceve del denaro pubblico e non paga gli stipendi e non fornisce chiarimenti, deve essere sanzionato. Non ci siamo limitati, però, a revocare l'accreditamento all'ente Ial Sicilia -  ma abbiamo contemporaneamente individuato una soluzione per mettere in sicurezza il personale dipendente. Altri governi avrebbero lasciato per strada i lavoratori, noi oggi dimostriamo di avere a cuore il futuro di donne e uomini che non devono pagare gli errori di altri.
I tecnici dell'assessorato, guidati da Anna Rosa Corsello, stanno studiando il percorso tecnico da attuare, anche relativamente alle tipologie contrattuali da applicare. Intanto con chiarezza affermiamo che l'indirizzo politico è quello di ripristinare la legalità e salvaguardare il personale facendo transitare i corsi dello Ial Sicilia e degli altri enti espulsi dall'accreditamento regionale presso il Ciapi. Per noi questa rappresenta l'unica possibilità -dichiara Scilabra - se le organizzazioni sindacali ne hanno individuato altre le esplicitino, ma oggi nulla ci è stato proposto in alternativa. Mi aspetto dai sindacati una buona assunzione di responsabilità, per risolvere insieme a noi questa situazione d'emergenza".

A Maurizio Bernava, segretario regionale della Cisl, che oggi ha affermato che prima di intervenire sullo Ial Sicilia, l'assessorato avrebbe dovuto attenzionare altri soggetti poco virtuosi, Nelli Scilabra ha risposto invitandolo a fornire i nomi di questi enti che secondo lui presentano irregolarità maggiori, "Li renda noti al Governo Regionale o addirittura alla Procura della Repubblica - ha detto - Sarebbe molto d'aiuto alle operazioni di verifica che stiamo operando nel settore e che la prossima settimana continueremo con la Guardia di Finanza. Per una volta sarebbe bello che le denunce partissero anche dal suo sindacato".

La Scilabra annuncia controlli a tappeto negli enti di Formazione accreditati presso la Regione Siciliana e  il prossimo mercoledi  infatti incontrerà i vertici del Comando Regionale della Guardia di Finanza: "Non soltanto lo Ial Sicilia. I controlli saranno effettuati su tutto il panorama degli enti senza alcuna esclusione - dichiara Nelli Scilabra - la legalità vale per tutti. Il prossimo mercoledì incontrerò il Comandante regionale della Guardia di Finanza presso i miei uffici. Saranno loro ad effettuare le verifiche sugli enti, dobbiamo ripristinare trasparenza e rispetto delle regole. Troppo spesso riceviamo lamentele di mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori o di rimborso agli allievi, anche nel caso in cui la Regione Siciliana ha erogato gran parte del finanziamento".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna