Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il Professore

Il Vicesindaco Ugo Marchetti lascia, sarà difficile trovare una figura dello stesso spessore... già Generale della Guardia di Finanza e magistrato della Corte dei Conti e fino a ieri Vice Sindaco e Assessore al Bilancio, Nomine e Partecipate del comune di Palermo, si è dimesso.

 

Certamente uno dei nomi più prestigiosi della giunta di Leoluca Orlando, un super tecnico, una faccia nuova in una giunta fatta per lo più da vecchi amici, l'uomo che doveva rappresentare la discontinuità con il sistema di gestione e di nomine politiche del passato, ha lasciato. Una figura di altissimo profilo a cui il Professore aveva affidato il compito più difficile e delicato, il riassetto del bilancio di una città praticamente al dissesto finanziario. Il sodalizio non ha retto e dopo poco più di due mesi la giunta Orlando conosce un primo pesantissimo "azzoppamento" e la città perde una risorsa di straordinarie capacità, integrità e competenza.

Sui motivi del distacco, ci sarebbero reali dissidi con il Professore Orlando, tranne i possibili paraventi sui classici e diplomatici motivi personali, la realtà parebbe essere un'altra. Alla radice dello strappo alla vigilia della giunta di lunedì, proprio sul bilancio, ci sarebbero essenzialmente due categorie di motivi: La prima legata alle politiche finanziarie per il consolidamento delle casse comunali e la seconda riguarderebbe "il nominificio" operato da Orlando all'interno delle partecipate, del Comune, e dei vari enti dove l'Amministrazione ha propri rappresentanti. Nomine che palesemente nulla avrebbero a che fare con il rinnovamento della classe dirigente, paventato in campagna elettorale, ma bensì con la restaurazione di un feudo di fedelissimi risalente a un decennio fa. Infatti mentre al comune, su invito dello stesso Orlando, arrivavano migliaia di curruclum di cittadini disponibili a collaborare con l'Amministrazione (di cui tra l'altro nessuno ha più dato notizie), il Professore procedeva, nei posti chiave e sopratutto per la maggior parte non a titolo gratuito, a nominare i suoi fedelissimi amici, riesumando volti "nuovi" come Emilio Arcuri , Giovanni Ferro, Ettore Artioli, il movimentista Marcello Capetta, che per "competenza" è andato nel cda di un'Opera Pia per la tutela dell'infanzia.... (anche se per tutta la vita della nota associazione Muovi Palermo ha sempre dichiarato di voler restare fuori dalle logiche della politica tradizionale), Letizia Battaglia la primissima ad essere nominata consulente (risulta a titolo gratuito), Carlo Catalano, già candidato al Consiglio comunale con Orlando nominato nel collegio dei revisori della Gesip, così come all'Amap Roberto D'Agostino, Sergio Vizzini e Massimiliano Principe; all'Amat Agostino Rigano, Valerio Rizzo (già revisore in epoca Cammarata) ed Enrico Piazza; alla Gesip Giuseppe Manzo, Americo Cernigliaro e Salvatore Tomaselli (coinquilino nello stesso studio di commercialisti del neo nominato Luciano Abbonato). Partecipate ma non solo, il fedelissimo excapo del cerimoniale della prima legislatura Orlandesca, Domenico La Torella, è stato inserito all’Istituto dei ciechi; Sebastiano Torcivia, docente di Economia, al Cerisdi; Maria Prestigiacomo (presidente), Biagio Cigno e Maurizio Miliaziano all'opera pia Reclusorio femminile; Alessandra Sinatra all'opera pia Santa Lucia; Francesca Arici alla Casa delle fanciulle e Lucantonio Cataliotti all'opera pia Principe di Palagonia. Non per ultimo, a Luciano Abbonato la direzione generale del Comune che in quanto esterno all'Amministrazione costerà alle casse pubbliche circa 180 mila euro all'anno, nomina tra l'altro che a quanto pare avrebbe fatto sollevare non poche perplessità allo stesso Marchetti, vista la palese forzatura rispetto al divieto assoluto di nuove assunzioni.

Anche il Comune di Palermo si conferma un vero e proprio nominificio, che ancora dovrà conoscere importanti caselle da colmare. Resta da chiedersi, oltre la mera propaganda politica, a cosa siano serviti i bandi di chiamata aperti a tutti i cittadini indetti dall'Amministrazione Comunale all'indomani del proprio insediamento, sotto la bandiera della partecipazione e della trasparenza, con il fine di creare il massimo coinvolgimento nella gestione della cosa pubblica, quando poi a essere nominati sono sempre i soliti, pur preparatissimi... volti noti e notissimi, ma sopratutto con la caratteristica assolutamente richiesta di essere "ORLANDIANI INOSSIDABILI".





Commenti  

 
#34 Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessorePrivate Investigator 2014-09-16 05:33
Befoгe hiring a private investigator: http://www.allprolegal.com/,
must ensure ѡhether the agency or the individual is licensed ߋr not.
Іt iѕ ɑlso suggested tо buy a drafting table
tօ woгk on raising үour skills ѡhile at hߋme. Filmed іn Los Angeles and Culver City California,
tɦе astute viewer mɑy Һave Ьeen able to recognize real street signs
аnd locations.
 
 
#33 Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreOrlando PI 2014-08-12 23:57
Ϝor more information ߋr a free quote, contact սs at ߋr info-ab@Philippines-PI.
Pritchard ԝill mark Brent Radford's apartment οn youг map.
Finally, be ѕure you only deal wіth licensed and experienced private
investigators іn yоur arеa.
 
 
+1 #32 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessorePietro 2012-08-19 17:15
Le nomine fatte dal sindaco sono legittime è assolutamente vero, pure obligatorie per legge. ;Ma il punto non è questo, il punto è "predicare bene e razzolare male". Uno dei temi centrali della campagna elettorale di Orlando è stato la MERITOCRAZIA e la trasparenza, ha pure fatto un bando per coinvolgere tutti i cittadini fuori da quelli che lui definisce i "lacci e i lacciuoli" della politica... e poi che ha fatto si è nominato tutti i suoi amici e fedelissimi da sempre. Niente rinnovamento ne ricambio della classe dirigente... bastava stare zitti invece di riempirsi la bocca di proclami... così avrebbe potuto nominare chi voleva secondo quanto previsto dalla legge.
 
 
+1 #31 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il Professoregiugiù 2012-08-18 19:07
Capetta è una cambiale che Orlando sta pagando al vicepresidente del consiglio comunale Nadia Spallitta, di un'altra storia, la quale fulminata da Di Pietro ed Orlando passa in IdV! A posto siamo!
 
 
+1 #30 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreKekko 2012-08-18 17:56
Ma pure Valerio Rizzo non era nel cda di amg ai tempi di allegra presidente cioè con c ammarata? E la discontinuità sindaco dove la mettiamo....
 
 
#29 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreClaudio Carollo 2012-08-18 17:47
Citazione Marcello:
Capetta?? Stupido chi ci e' andato dietro con muovi Palermo e si e' fatto strumentalizzare... Le pecore siamo noi e loro i furbi... Intanto muovi Palermo qualcuno mi sa dire se esiste ancora?

Muovi Palermo è morta mesi fa. almeno 6 7 mesi fa. Non esiste più da quando chi si faceva il culo sul serio, ha posato capetta che aveva deciso di fare il furbo (e i fatti adesso parlano). Muovi Palermo non ha più fatto nulla, non se ne sente più parlare, poeccato perchè era una buona relatà, ma per fortuna è nata l'associazione Vigliena, fatti da quei ragazzi che hanno deciso di rimanere puliti. Che il signor Capoetta vada a quel paese, con tutti i lecchini come lui e amiciattoli di Orlando che hanno avuto l'incarichetto
 
 
+1 #28 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreCatalano 2012-08-18 17:45
Bravo Marchetti te ne sei andato da sta fogna...
 
 
#27 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreLuciano 2012-08-18 17:44
Ma Enrico piazza non e' il FIG
Io di Nicola? Ex presidente di sviluppo Italia uomo di d antoni con decine di presidenze alle spalle.... E salvo tomaselli non ha lo studio con Luciano abbonato con dietro la chiesa .... C'e ne da dire c'e ne.... E come. Ma quale trasparenza.
 
 
#26 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreGiuseppe l. 2012-08-18 17:41
Ma Orlando non era quello che gridava contro il nominificio di lombardo... Beh lui chi ha nominato amici e uomini indicati dai partiti... Questa e' la politica e anche lui ne fa parte. Certo che Ugo Marchetti se ne andato.
 
 
+1 #25 RE: Ugo Marchetti lascia. Dissidi con Orlando. Un macigno per il ProfessoreLino m. 2012-08-18 17:37
Orlando ha chiesto ai cittadini di mandare i CV poi le nomine le ha fatte dalla sua agenda... Palermo report vi dico io chi sono tutti i revisori dei conti e opere pia....
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna