Termini Imerese, Dr Group latitante mentre Passera è distratto

dr

Ci sono sempre questioni più scottanti ed importanti di quelle di Termini Imerese, dal piano salva-Italia al piano finanziario regionale, appena approvato entro i limiti imposti. Ecco perché ad aprile 2012 il tavolo tecnico con il ministro Passera non si è ancora tenuto ed il gruppo Dr non ha annunciato il suo piano industriale.

Ammesso che esista un piano industriale per la produzione. Il dubbio è più che lecito data la totale assenza di una dichiarazione ufficiale in merito delle parti in causa, nessun chiarimento di Massimo Di Risio e nessun chiarimento dal Ministero dello Sviluppo.

Con utili pari a circa 150 milioni di euro nel 2011 l'azienda Dr ha basato il suo successo sull'assemblamento di componenti provenienti dalla Cina e che costerebbero meno se in arrivo sulle coste palermitane. L'assemblamento verrebbe condotto a Termini Imerese ma i venti di crisi economica che spirano forti su tutta l'isola ed in generale in tutto il mondo, sembrano aver raffreddato l'interesse per il polo industriale termitano.

Attualmente le strutture e le infrastrutture esistenti sono ancora in grado di garantire una produzione industriale ma il tempo rischia di innalzare i costi di manutenzione per il riavvio dei macchinari ed il loro aggiornamento.

Ci sono famiglie che aspettano di scoprire chi sarà dopo FIAT a portare un minimo di ricchezza nel loro territorio, senza dover aspettare altri suicidi dettati dalla disperazione e dall'assenza di risposte da parte di chi, tra Stato, Regione Sicilia ed investitori privati, aveva promesso risposte concrete alla fame di lavoro di Termini Imerese.




Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna