News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Trattativa Stato-mafia, la Regione si costituisce parte civile

 

Il Gup di Palermo Piergiorgio Morosini ha ammesso come parti civili nel procedimento per la trattativa Stato-mafia la Regione siciliana e l'Associazione dei familiari delle vittime di mafia presieduta da Sonia Alfano, eurodeputata e figlia del giornalista Beppe, ucciso nel 1993.

Rigettata invece la richiesta di entrare nel processo come parte offesa presentata dall'Assemblea regionale siciliana. Nel provvedimento con cui il gup di Palermo Piergiorgio Morosini esclude la costituzione di parte civile dell'Ars, il magistrato sottolinea che "pur apprezzando e condividendo la contemporanea costituzione di parte civile dell'Assemblea regionale siciliana e della Regione siciliana" l'ammissione di entrambe avrebbe "creato un'inutile ripetzione per gli interessi che si vogliono tutelare". La costituzione della Regione e dell'associazione della Alfano è stata ammessa nei confronti di tutti gli imputati, con eccezione dell'ex ministro dell'Interno, Nicola Mancino, che risponde solo di falsa testimonianza.

Alla scorsa udienza il magistrato aveva disposto l'ammissione della presidenza del Consiglio dei ministri, di Rifondazione Comunista, del Comune di Palermo, del Centro Pio La Torre, dell'ex capo della polizia Gianni De Gennaro, dei familiari dell'ex eurodeputato Salvo Lima, ucciso dalla mafia nel '92, del movimento Agende Rosse rappresentato da Salvatore Borsellino, fratello del magistrato assassinato da Cosa nostra, e del sindacato di polizia Coisp. Oggi, oltre partecipazione al processo della presidenza dell'Ars, il gup dovrebbe affrontare alcune questioni di competenza territoriale poste dai legali degli imputati.

Tra gli imputati spiccano nomi eccellenti come l'ex ministro Nicola Mancino e il generale Mori.

I legali dell'ex ministro Nicola Mancino, di Marcello Dell'Utri e di Calogero Mannino hanno chiesto al gup di spostare il procedimento dal capoluogo siciliano a Roma. Il legale del boss Leoluca Bagarella ha invece chiesto di trasferire il processo a Firenze dove avvenne la strage di via dei Georgofili.