News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Un confronto tra diversi attori istituzionali per riflettere su ruolo e sfide della filiera dell’Healthcare: a promuoverlo è Unicredit, in un incontro tenutosi alla Camera di commercio Palermo-Enna per approfondire le opportunità di crescita non solo delle aziende, ma anche del sud in uno scenario che nei prossimi mesi rischia di vedere […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Affermazione della Cisl Scuola a livello nazionale che moltiplica la propria rappresentanza da 2 a 5 seggi e ottiene di avere componenti in tutti gli ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado). “Si tratta di una bella soddisfazione, ci viene riconosciuto un largo consenso come risultato di un […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “L’articolo 116 della Costituzione era stato introdotto dal centrosinistra nel 2001 con solo tre voti di scarto in Senato. Adesso se si sono pentiti di questa scelta ne prendiamo atto, ma non vengano a dire che spacca in due il Paese. Il tema del Mezzogiorno è la capacità di spesa: su questo […]

Storie di mafia, omicidi e giochi di morte

omDopo la notizia di oggi dell'arresto di uno dei componenti del gruppo di fuoco che uccise il commerciante Salvatore Michele Gallina, e ne bruciò il corpo, i Carabinieri e la Direzione Distrettuale Antimafia hanno riportato un dossier sulla storia criminale - mafiosa di quegli anni. Un lavoro minuzioso che ricostruisce gli scenari ed i ruoli di personaggi che contraddistinsero gli anni di piombo in cui i Corleonesi dettavano legge. Avendolo analizzato, riteniamo molto interessante la sua integrale pubblicazione, che rende merito al lavoro delle istituzioni impegnate sul territorio, che ancora oggi tentano di ricomporre mosaici criminali ed attribuire eventi delittuosi vecchi di anni.

 I militari del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Monreale e della Compagnia di Lercara Friddi, coordinati dai Magistrati della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese (dr. Giacomo Urbano e Antonia Pavan) aggregati per tali indagini alla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo (Procuratore Aggiunto Vittorio Teresi) hanno, da alcuni mesi, messo mano a vecchi dossier e riaperto indagini su omicidi di mafia rimasti irrisolti ed avvenuti nel passato in provincia di Palermo.

 

Tra questi, uno dei casi insoluti più misteriosi è rimasto, negli anni, quello di un commerciante lercarese di quarantaquattro anni.

Era l'11 Aprile del 1988 quando da Lercara Friddi scomparve GALLINA Salvatore Michele.

L'uomo, emigrato da Lercara Friddi negli anni '60, con alle spalle qualche precedente penale di poco conto ed un matrimonio andato a male con NICOLOSI Lucia, si era stabilito a Roma con la sua nuova compagna; Totò, come tutti lo chiamavano in paese, faceva ritorno a Lercara Friddi, suo paese natale, solo per far visita alla madre anziana e malferma di salute. Nonostante la vita non fosse stata generosa con lui, Totò era sempre sorridente e disinvolto e agli amici del paese aveva fatto intendere di essersi rifatto una vita nella Capitale e di poter ora condurre un'esistenza abbastanza agiata.

Il 18 aprile 1988 il suo cadavere, incaprettato, fu inspiegabilmente ritrovato carbonizzato nelle campagne di Vallelunga Pratameno, piccolo abitato della vicina provincia nissena.

La fine degli anni ottanta era stata – anche a Lercara Friddi – un'epoca di sangue, con l'uccisione di alcuni esponenti di spicco appartenenti alla storica famiglia lercarese e del boss MONTALTO Francesco (il cui delitto fu eseguito nel 1981 da FACELLA Salvatore, su preciso ordine di RIINA Salvatore nel tentativo di riorganizzare la "famiglia" di Lercara Friddi sciolta a seguito della uccisione di PIZZUTO Luigi, capo del mandamento di Castronovo di Sicilia).

Successore di MONTALTO Francesco fu LO CASCIO Vincenzo che, arrestato dai Carabinieri di Lercara Friddi nel settembre del 1983 per gravi reati assieme al fratello Leonardo, lasciò lo scettro della famiglia lercarese al padre Girolamo (Mommo), oramai anziano. Vincenzo e Leonardo furono poi assassinati – sempre per mano mafiosa - rispettivamente nel 1989 e nel 1991.

Ma quali sono state le dinamiche che hanno portato all'uccisione di Salvatore Michele Gallina? Chi è stato il mandante e chi gli esecutori dell'efferato crimine? Le risposte sono intimamente connesse con il funzionamento – oramai palese agli investigatori - dell'Organizzazione di Cosa Nostra.

Totò Gallina andava eliminato perché dava fastidio; andava per conto suo e chiedeva denaro anche a imprenditori lercaresi vicini ai corleonesi di Totò Riina. Proprio per questa ragione i Lo Cascio, reggenti della famiglia di Lercara, deliberarono la morte di Salvatore Gallina e incaricarono dell'esecuzione i loro uomini più fidati e capaci, Angelo Romano e Lillo Pecoraro (deceduto nel 1996); questi ultimi attirarono con un pretesto il Gallina in un terreno di proprietà dei Lo Cascio sito nella parte alta del paese e qui prima lo strangolarono, poi lo finirono con un colpo d'arma da fuoco alla testa.

Imperdonabile però è l'errore commesso dal commando; il cadavere di Totò Gallina venne trasportato a Vallelunga Pratameno, nel nisseno, dove venne dato alle fiamme assieme alle carcasse di alcuni pneumatici nel cofano di una Alfa Romeo Giulietta rubata, provocando così l'ira del capo della provincia di Caltanissetta "Piddu" Madonia nonchè vice di Totò Riina.

Nelle regole di Cosa Nostra uccidere un uomo senza aver chiesto ai vertici l'autorizzazione e farne ritrovare il cadavere un'altra provincia rappresenta uno sgarbo che deve essere punito con altrettanta ferocia; sarà questa la causa (forse la più importante) che porterà all'assassinio – pochi anni più tardi – sia di Vincenzo che Leonardo Lo Cascio.

Del grave incidente diplomatico si era occupato, investito della faccenda direttamente da Totò Riina, il capo del mandamento di Caccamo, Antonino Giuffrè; questi aveva provveduto a riferire gerarchicamente dapprima a Provenzano e successivamente a Riina le ragioni per le quali nessuno – nemmeno il diretto interessato "Piddu" Madonia – fosse stato informato della necessità di uccidere Totò Gallina bruciandone i resti in un territorio diverso da quello di Lercara Friddi.

ROMANO Angelo, meccanico lercarese ed esecutore materiale dell'omicidio assieme a Lillo Pecoraro , cadde però in disgrazia non molto tempo dopo tanto che fu lo stesso Giuffrè, sentiti i vertici dell'organizzazione, a deliberarne l'assassinio perché ritenuto persona oramai assolutamente pericolosa ed inaffidabile.

La sorte fu però favorevole al ROMANO che, nonostante gli appostamenti fatti dal capo del mandamento di Caccamo in persona per eliminarlo, era nel frattempo riuscito a lasciare indenne l'isola trovando rifugio in Belgio; il successivo arresto di Giuffrè gli aveva salvato definitivamente la vita.

Già noto negli ambienti giudiziari perchè, unitamente a PECORARO Rosolino e PIAZZA Giuseppe, era stato ritenuto organico alla famiglia mafiosa di Lercara Friddi, nel giugno del 1995 i magistrati della Procura di Termini Imerese avevano spiccato nei suoi confronti un ordine di carcerazione poiché doveva scontare una pena cumulativa di sei anni e mezzo per un omicidio colposo (condanna relativa ad un incidente stradale avvenuto nel 1983), una ricettazione di assegni rubati e una tentata estorsione nei confronti di un dentista di Mussomeli "reo" di aver aperto uno studio a Lercara Friddi. La latitanza si era conclusa due anni dopo con il suo arresto a Liegi, in Belgio.

 

[1] PECORARO Rosolino, detto Lillo,  fu rinvenuto cadavere carbonizzato, all'interno della propria Fiat Uno, in c.da Pettineo, agro di Lercara Friddi, nel lontano 14 Giugno 1995. L'uccisione avvenne con le medesime modalità dell’omicidio di Salvatore Gallina. Il delitto è – per ora – ancora insoluto.

Dopo oltre vent'anni dunque, la Giustizia ha raggiunto dunque il responsabile di un altro efferato omicidio di quel terribile e sanguinoso periodo a cavallo tra gli anni ottanta e gli anni novanta, iniziato con la guerra di mafia condotta dai Corleonesi per il controllo della città di Palermo (e dell'intera Sicilia) e conclusosi con l'uccisione - nel 1992 - dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.