News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Monte Pellegrino avrà una nuova illuminazione. Un nuovo impianto ad alta efficienza energetica che sostituirà quello esistente, non funzionante perchè obsoleto e danneggiato dagli incendi, con lampade a led di ultima generazione, significative riduzioni delle emissioni climalteranti e miglioramento delle condizioni di sicurezza. L’area di interesse storico, naturalistico e turistico verrà così […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Registro con notevole soddisfazione i dati forniti dal Rapporto Almalaurea 2024 che confermano l’efficacia delle nostre strategie per garantire possibilità di lavoro qualificato ai nostri giovani laureati”. Così Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, commentando i dati del XXVI Rapporto su Profilo e sulla Condizione Occupazionale dei Laureati presentati dal Consorzio Interuniversitario […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Consegnata la prima tratta del raddoppio ferroviario tra le stazioni di Catania Bicocca e Catenanuova, realizzato in Sicilia da Webuild per conto di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS. Il progetto complessivo, che ha raggiunto l’83% dei lavori, come si legge in una nota, permetterà di incrementare i treni […]

Speciale Elezioni Regionali 2012

Speciale Elezioni Regionali Sicilia 2012La Sicilia alle urne, dalle 8 alle 22 di domenica 28 ottobre, per scegliere il nuovo presidente della Regione e i nuovi inquilini dell'Ars.

In dieci si contendono lo scranno più alto di Palazzo d'Orleans, sostenuti da 19 liste, per un totale di 1.629 candidati, sottoposti al giudizio di 4 milioni 426.754 elettori, con una maggioranza di donne (2 milioni 284.380).

Anche quest'anno i deputati eletti saranno 90: la legge costituzionale che ne prevede l'abbassamento a 70 non ha avuto ancora il sì definitivo del parlamento nazionale ed è in attesa della seconda lettura alla Camera.

La scheda elettorale riporta per ogni rettangolo il simbolo e il nome del candidato presidente della Regione e le liste apparentate. è previsto il voto disgiunto: si può scegliere un candidato governatore e una lista non a esso collegata; ma qualora si esprima la preferenza soltanto per una lista provinciale, il voto sarà automaticamente attribuito al candidato presidente collegato al simbolo scelto.
Lo scrutinio inizierà alle 8 di lunedì.

I candidati alla presidenza - Listini dei candidati alla presidenza - Liste presentate - EXIT-POLL

 

LA SCHEDA ELETTORALE

La scheda contiene il contrassegno di ciascuna lista che concorre in ambito provinciale, affiancato da una riga riservata all'eventuale indicazione della preferenza per un candidato alla carica di deputato regionale legato alla lista.

A destra, invece, sono riportati il cognome e il nome del capolista di ciascuna lista regionale, candidato alla carica di presidente della Regione, affiancati dal proprio simbolo.

L'elettore esprime il suo voto per una delle liste provinciali tracciando un segno sul simbolo della lista scelta, e può esprimere una preferenza scrivendo il nome di uno dei candidati compresi nella lista stessa.
Quindi l'elettore potrà esprimere il proprio voto per una delle liste regionali tracciando un segno sul nome del candidato alla carica di presidente della Regione.
La scheda sarà ritenuta valida anche se l'elettore voterà una lista regionale e una lista provinciale non collegate fra loro. Se si omette di votare per una lista regionale, votando solo per una lista provinciale, il voto si intenderà espresso anche a favore della lista regionale collegata.

Le operazioni di scrutinio avranno inizio a partire dalle ore 8 di lunedì 29 ottobre.


COME SI COMPONE L'ARS

In Sicilia è in vigore un sistema misto, proporzionale con un correttivo maggioritario. Prevede cioè che 80 dei 90 deputati dell'Assemblea regionale siciliana, siano eletti con criterio proporzionale sulla base di liste di candidati concorrenti nei collegi elettorali provinciali:20 seggi a Palermo, 17 a Catania, 11 a Messina, 7 ad Agrigento e Trapani , 6 a Siracusa, 5 a Ragusa, 4 a Caltanissetta, e 3 ad Enna.

Questi 80 seggi sono riservati a quelle liste che abbiano superato la soglia di sbarramento del 5% su base regionale.

Dei rimanenti 10 seggi, due sono assegnati rispettivamente al neoeletto presidente della Regione e al candidato giunto secondo.

Gli altri 8 seggi saranno riservati invece ai candidati della lista regionale più votata.

Il tetto massimo di seggi per la coalizione vincente è però di 54, e così, superata questa soglia, i seggi che dovessero ancora risultare vacanti andrebbero ripartiti tra i gruppi di liste di minoranza sulla base del totale dei voti validi ottenuto su base regionale da ciascun gruppo sopra il 5%.

A questo punto i possibili scenari che possono profilarsi sono quattro:

- La coalizione del candidato presidente eletto ottiene nei collegi provinciali un numero di seggi pari o superiore a 54, e in questo caso non saranno eletti candidati della lista regionale, ma gli otto seggi a disposizione saranno redistribuiti tra le liste di minoranza che abbiano superato lo sbarramento.

- La coalizione collegata al presidente eletto ottiene al proporzionale un numero di seggi compreso tra 46 e 53, e risulterà eletto un numero di componenti della lista regionale che consente alla maggioranza di ottenere 54 seggi in Assemblea, mentre i seggi eventualmente rimanenti saranno distribuiti alle liste minori.

- La coalizione collegata al presidente eletto ottiene nei collegi provinciali tra 37 e 45 seggi, risulteranno eletti tutti i componenti del "listino" regionale, che garantirà alla coalizione vincente una maggioranza di almeno 46 seggi.

- La coalizione collegata al presidente eletto, infine, ottiene meno di 37 seggi nella parte proporzionale, gli otto seggi della lista regionale le saranno tutti attribuiti, ma ciò non consentirà alla coalizione vincente di disporre di una maggioranza assoluta in aula.


I CANDIDATI ALLA PRESIDENZA - LE BIOGRAFIE

 

Giancarlo Cancellieri

(Movimento Cinque Stelle)

alt

 alt

Rosario Crocetta

(Pd-Udc-Api-Psi)

 alt  alt  alt
 Cateno De Luca

Cateno De Luca

(Rivoluzione Siciliana)

 alt
 alt

Giacomo Di Leo

(Partito Comunista dei Lavoratori)

 alt
Mariano Ferro

Mariano Ferro

(Movimento dei Forconi)

 alt
alt

Giovanna Marano

(Sel-Idv-Rifondazione comunista-Verdi)

alt  alt 

Gianfranco Miccichè

Gianfranco Micciché

(Grande Sud-Partito dei Siciliani/Mpa-Fli/Mps)

alt  alt  alt  alt

Seastiano Musumeci

Nello Musumeci

(La Destra-Pdl-Pid, lista Musumeci)

alt  alt  alt  alt

Lucia Pinsone

Lucia Pinsone

(Movimento Voi)

alt

Gianfranco Sturzo

Gaspare Sturzo

(Italiani Liberi e Forti)

 alt


LISTINI DEI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA

alt

LISTA N. 1 Movimento Cinque Stelle

alt LISTA N. 2 LiBeRa SiCILIa Claudio Fava PRESIDENTE

alt

LISTA N. 3 Presidente Micciche'

alt

 LISTA N. 4 Partito Comunista dei Lavoratori

alt

LISTA N. 5 la Rivoluzione e' gia' iniziata

alt

LISTA N. 6 VOI VOLONTARI PER L'ITALIA

alt

LISTA N. 7 Sturzo Presidente

alt

LISTA N. 8 De Luca - Rivoluzione Siciliana

alt

LISTA N. 9 Il Popolo De I Forconi Mariano Ferro Presidente

alt

LISTA N. 10 Per Musumeci Presidente


LISTE PRESENTATE

alt

Movimento Cinque Stelle

 alt

Unione Dei Democratici Cristiani e Dei Democratici Di Centro (U. D. C. Unione Di Centro)

alt

 Partito Democratico Crocetta Presidente

alt

 Grande Sud Micciche'

alt

 Partito dei Siciliani - Mpa

alt

 Futuro E Liberta' Per L'Italia Nuovo Polo Per La Sicilia

alt

 P.P.A. - Partito Pensiero Azione - Piazza Pulita

alt

 Partito Comunista dei Lavoratori

alt

 Il Popolo De I Forconi Mariano Ferro Presidente

alt

Movimento Politico Crocetta Presidente

alt

Italia Dei Valori Lista Di Pietro

alt

 Claudio Fava Presidente FDS - SEL - VERDI

alt

 Rivoluzione Siciliana

alt

Sturzo Presidente

alt

 Il Popolo Della Liberta' Musumeci Presidente

alt

Cantiere Popolare

alt

 Nello Musumeci Presidente

alt

 Alleanza Di Centro

alt

Voi Volontari per l'Italia

 

 

 

Speciale Elezioni Regionali Sicilia 2012