News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Sgominata banda del buco: 9 ordinanze di custodia cautelare. Coinvolto un metronotte

altUn' indagine complessa portata avanti con l'ausilio di intercettazioni telefoniche, ambientali e riprese video, dalla sezione antirapina della squadra Mobile di Palermo, guidata dal vicequestore aggiunto Silvia Como e che ha portato all'esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare. Uno dei rapinatori è latitante.

Si tratta di (in alto da sx) Salvatore Battaglia, Dario Borgia, Giovanni Burgarello, Natale Caravello, e (in basso da six) Bruno Forti, Giuseppe Giuliano, Rosolino Lo iacono, Tommaso Cipolla, tutti accusati di associazione a delinquere finalizzata alla perpetrazione di rapine in danno di istituti bancari, uffici postali e gioiellerie con la cosiddetta tecnica del buco. L' inchiesta ha preso il via nel 2009 ed è stata coordinata dai magistrati Maurizio Scalia e Fabio Bonaccorso. Il gip Nicola Aiello ha disposto per tre i domiciliari e per sei degli indagati la custodia cautelare in carcere.

 

L'organizzazione criminale aveva una complessa struttura verticistica con un capo e una sede in cui si tenevano le riunioni, un autolavaggio nei pressi di piazzetta Cairoli, di proprietà di Salvatore Battaglia. Prima dunque, individuavano un obiettivo da rapinare attiguo ad un locale accessibile dall'esterno, abbandonato o poco frequentato, successivamente all'interno del locale, in orario notturno o nei pomeriggi dei giorni festivi, procedevano ad operazioni per forare la parete adiacente a quella dell'obiettivo da rapinare, fino al limite dell'ultimo strato di muratura. Infine irrompevano all'interno della banca, dell'ufficio postale o della gioielleria dopo aver abbattuto l'ultimo strato di muro, impossessandosi del denaro o di altri beni preziosi con minaccia o violenza in danno del personale presente, che spesso veniva segregato in una stanza e legato.

L'indagine ha permesso di sventare numerose rapine tra le quali ad esempio quella ai danni di una nota gioielleria palermitana Les Cadeaux di via Li Donni, vicino via Mariano Stabile. ,

Coinvolto nell'organizzazione anche un metronotte.

Ascoltiamo il vicequestore aggiunto Silvia Como: