News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Sequestrati beni per 500 mila euro a Gaspare Como, cognato di Matteo Messina Denaro

La Direzione Investigativa Antimafia di Trapani ha sequestrato aziende, immobili ed autovetture di lusso a Gaspare Como, 45 anni, commerciante di Castelvetrano, cognato del boss latitante Matteo Messina Denaro in quanto sposato con Bice Messina Denaro sorella del Boss.

Oltre a Como, pregiudicato per associazione a delinquere ed estorsione, già sorvegliato speciale, sono indagati anche le sorelle, Valentina e Giovanna, ed un commerciante di auto Gianvito Paladino.

Il provvedimento di sequestro e' stato emesso dalla Procura di Marsala e tutti gli indagati rispondono, a vario titolo, in concorso tra loro di "intestazione fittizia di beni, al fine di eludere la normativa in materia di misure di prevenzione". Il valore dei beni sequestrati ammonta a circa 500 mila euro.

Secondo il provvedimento della Procura di Marsala "tutti gli acquisti e gli investimenti finanziati con le cospicue risorse economiche di Como, che dichiara al fisco modestissimi redditi da lavoro dipendente, sarebbero state intestate a terze persone, nel tentativo di evadere la stringente normativa in materia di prevenzione contenuta nel codice Antimafia, recentemente approvato".