News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – L’Asp di Palermo arricchisce la dotazione degli ambulatori mobili con un nuovo camper dedicato allo screening delle malattie infettive sessualmente trasmesse. A bordo del mezzo verranno effettuati, attraverso un prelievo ematico, i test per Hiv, Hcv (Epatite C) e Sifilide. “E’ un altro tassello che l’Azienda inserisce nell’organizzazione dell’attività di prossimità – […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Si chiude con un bilancio molto positivo la nuova edizione della “Acchianata Ecologica” organizzata da Confcommercio Palermo, nell’anno in cui l’organizzazione festeggia gli 80 anni dalla costituzione, partita poco dopo le 9 dalle Falde del Monte Pellegrino e conclusasi dopo circa 3,7 chilometri di salite al Santuario dove don Natale Fiorentino ha […]

  • SALINA (MESSINA) (ITALPRESS) – “Il nuovo porto di Malfa è quasi pronto, i lavori sono giugno al 90%, come Regione abbiamo investito 20 milioni per il completamento della diga foranea. Ciò consentirà di ospitare già dalla prossima stagione oltre 130 imbarcazioni”. Lo annuncia l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Aricò, ospite del focus su […]

Piazza Mondello: montagne d'alga in putrefazione, nessuno se ne cura

 

mo

E' uno dei paradossi che riguardano Palermo, ma non finiremo mai di stupirci, e mai ci rassegneremo. Accade così che l'affollatissima piazza Mondello, luogo abituale di ritrovo per migliaia di palermitani, soprattutto nel week end, sia già da parecchi tempo teatro di una situazione grottesca.

Al limite della passeggiata a mare, infatti, un'enorme montagna di alghe in putrefazione giace in bella vista. Nelle giornate di sole, e col caldo vero in arrivo, i miasmi che si liberano divengono insopportabili. Insomma, tutta l'area, da davanti via Teti fino al porticciolo della piazza, è invasa da alghe che nessuno si preoccupa di rimuovere.

Eppure il locale ufficio della Guardia Costiera ha già segnalato il problema all'Amia e ciò che bloccherebbe tutto sarebbe solo la verifica sul fatto che queste alghe siano o meno inquinanti.

Frattanto, anche i titolari delle varie concessioni demaniali marittime del posto hanno i loro grattacapi per liberare le aree in concessione dalle alghe e chiedono un intervento immediato.

"Potremmo anche rimuoverle noi - ha detto un residente -  ma anche se le mettessimo nei sacchi della spazzatura, ammesso che si riescano a coinvolgere un centinaio di persone e visto che si tratta di rifiuti speciali, rischieremmo una multa, quindi....".

Nell'attesa che qualcuno si dia da fare, la borgata marinara non ci fa certo una bella figura, con i turisti che passando immortalano quella duna innaturale e puzzolente sotto gli occhi di tutti, come fosse un monumento. Ovviamente, al degrado.