News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Nessuno spoiler vero e proprio, ma il 400esimo Festino di Santa Rosalia comincia piano piano a prendere forma: a due mesi dalla ingente manifestazione del 14 luglio, il Comune di Palermo svela i primi aspetti di un evento che si dispiegherà non solo nella data di celebrazione, ma in un arco di […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

Piano particolareggiato via Trabucco: ''Politica schizofrenica dell’Amministrazione comunale''

 

Rosanna Pirajno"La Fondazione Salvare Palermo condanna con fermezza la politica schizofrenica adottata dal consiglio comunale che, eludendo le richieste di approfondimenti delle intricate questioni connesse, ha deliberato in assenza di dibattito a favore del Piano particolareggiato di via Trabucco". Queste le parole dell'architetto Rosanna Pirajno, presidente della Fondazione, a commento del sì del Consiglio comunale che nei giorni scorsi ha approvato il già discusso e controverso Piano particolareggiato di via Trabucco.

«Il Piano – spiega Rosanna Pirajno –, prevedendo l'ulteriore edificazione di edifici commerciali di cui la città è già satura e che l'hanno depauperata di molti esercizi e attività storiche, disattende le stesse direttive del Prg in elaborazione, che promettono di frenare il consumo di suolo di aree agricole ed ex agricole per 'metterle a sistema'. Pari condanna merita l'ulteriore consumo di suolo deliberato per l'area dell'ex Riserva reale di Boccadifalco, interessata dalla costruzione della sede della Protezione civile per la quale si proponeva altro sito».