News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • La tennista azzurra cede contro la rumena Cristian col punteggio di 6-3 6-2.

  • PALERMO (ITALPRESS) – L’Università di Palermo ha conferito la laurea magistrale honoris causa in “Scienze Pedagogiche” al regista televisivo Michele Guardì. La cerimonia si è svolta nella Sala Magna del Complesso Monumentale dello Steri, in piazza Marina, a Palermo. Per Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, “è una giornata importante per questo ateneo. Michele Guardì […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non un semplice riconoscimento per le imprese più virtuose, ma un insieme di spunti per approfondire le sfide che l’attualità richiede a manager, imprenditori e professionisti di ciascun territorio: questo il proposito di Motore Italia, la cui quinta tappa del 2024 ha visto coinvolta la Sicilia con un appuntamento al Circolo Unione […]

Nozioni antisismiche. A Palermo ed in Sicilia sono sconosciute.

sis

E' proprio vero, facciamo tutti gli scongiuri del caso, ma dobbiamo sperare che qui la terra non tremi mai. Sembra incredibile, ma nonostante una rigidissima normativa europea vigente in materia di costruzioni antisismiche, la Sicilia e Palermo sembrano ferme nella preistoria.

Eppure la Sicilia è una delle regioni italiane a più alto rischio sismico, ma questo non basta, non invoglia a migliorare le cose ed a garantire la sicurezza. Basterebbe analizzare gli edifici dei centri storici siciliani per rabbrividire, ed il dato è ancora più sconcertante se parliamo di edifici pubblici. Quante scuole, quanti uffici, quanti ospedali in Sicilia sono costruiti secondo le normative vigenti in materia antisismica? Vorremmo saperlo.

Proprio per questo Palermoreport ha promosso una nuova inchiesta, dove quest'introduzione rappresenta la premessa. I dati che vi forniremo sono sconcertanti e molto, molto preoccupanti. I terremoti non si possono prevedere, è vero, ma la storia insegna e la periodicità degli eventi tellurici è un dato certo. Le stime?  Bhè, non c'è da stare allegri, ed i nostri amministratori continuano a dormire e rimandare al mittente i miliardi di euro messi a disposizione dall'Europa. Complimenti!!!