News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

La Sicilia perde 1miliardo di fondi "Europei" non spesi. Decisione del Governo Nazionale. Questo ci meritiamo

 

Il Governo nazionale ha deciso senza titubanze. La finanziaria nazionale porterà via poco più di 3,5 miliardi alle regioni che non sono state in grado di spendere i fondi PAC. La Sicilia chiaramente la fa da "padrona" in questa scellerata e ingiustificabile classifica. O meglio non è la classifica ad essere ingiustificabile, essa lo è e come. È il fatto che chi ci amministrata ha buttato al vento 1 miliardo di euro per incapacità e palese incompetenza nell'amministrare la cosa pubblica.
Infatti sui 2 Miliardi dei fondi PAC destinati alla nostra isola, l'Amministrazione Regionale ne è riuscita a spendere solo 600 milioni, spesa che, tra l'altro, risale a circa due anni fa. Emerge chiaro che nell'ultimo anno e mezzo, praticamente non si è "speso" - fatto- nulla.

Con i fondi persi se ne sarebbero potute fare di cose... e come: pensiamo solo a uno degli ambiti principali per lo sviluppo economico e turistico dell'isola. La viabilità. Modernizzare le disastrate strade siciliane: completare l'autostrada Siracusa-Gela, ammodernare il tratto Santo Stefano Camastra-Gela, i collegamenti con l'aeroporto di Comiso che oggi riesce a raccogliere flussi turistici rilevanti e in crescita, sistemare le strade provinciali ormai ai limiti di percorrenza, oppure iniziare interventi seri sul dissesto idrogeologico dell'isola, i quali spesso sono proprio la causa dell'isolamento di paesi e cittadine della nostra isola... chi più ne ha più ne metta, ad esempio ristrutturare semplicemente gli impianti sportivi di Palermo che ormai sono chiusi e inagibili da anni, del resto parliamo di miliardi di euro, cifre enormi evaporate dalle tasche ormai vuote dei diritti di tutti noi cittadini siciliani e italiani.

Qualcuno si è anche scandalizzato che i nostri parlamentari nazionali non abbiano " alzato le barricate", ma sarebbe stata pura ironia. Del resto i soldi erano li pronti e disponibili, vi era solo da rispettare: dei tempi per la progettazione, l'aggiudicazione delle opere e la realizzazione. Ma nulla di questo è stato possibile. Questi soldi sono stati giustamente ritirati da un Governo che li destinerà alle regioni virtuose che hanno già speso tutto o ad altri interventi nazionali. Ben ci stà! Basti pensare che la Puglia è stata l'unica regione italiana a spendere tutti i fondi europei fino all'ultimo centesimo. Bhe allora si può fare, e si può fare anche al sud. Noi ci meritiamo quello che abbiamo e quello che ci viene tolto. Certamente non ci meritiamo la classe politica che ci amministra. I siciliani sono meglio di quello che esprimono le urne... ma se restiamo sempre tutti buoni e zitti... il resto è pura demagogia.