News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – L’Asp di Palermo arricchisce la dotazione degli ambulatori mobili con un nuovo camper dedicato allo screening delle malattie infettive sessualmente trasmesse. A bordo del mezzo verranno effettuati, attraverso un prelievo ematico, i test per Hiv, Hcv (Epatite C) e Sifilide. “E’ un altro tassello che l’Azienda inserisce nell’organizzazione dell’attività di prossimità – […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Si chiude con un bilancio molto positivo la nuova edizione della “Acchianata Ecologica” organizzata da Confcommercio Palermo, nell’anno in cui l’organizzazione festeggia gli 80 anni dalla costituzione, partita poco dopo le 9 dalle Falde del Monte Pellegrino e conclusasi dopo circa 3,7 chilometri di salite al Santuario dove don Natale Fiorentino ha […]

  • SALINA (MESSINA) (ITALPRESS) – “Il nuovo porto di Malfa è quasi pronto, i lavori sono giugno al 90%, come Regione abbiamo investito 20 milioni per il completamento della diga foranea. Ciò consentirà di ospitare già dalla prossima stagione oltre 130 imbarcazioni”. Lo annuncia l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Aricò, ospite del focus su […]

Il gesto disperato dello studente del Cannizzaro di Palermo. Il giovane non è ancora fuori pericolo

altNon è ancora fuori pericolo, il ragazzo di 14 anni che ieri di è lanciato dal secondo piano della scuola che frequentava, il liceo scientifico Cannizzaro. Ha superato la notte e per i medici, questo è quasi un miracolo. Il problema polmonare rimane grave, è stato effettuato un drenaggio a causa della forte emorragia, ma la situazione rimane critica. Ieri intanto, il ragazzo, ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale Villa Sofia, era stato operato d'urgenza, a causa di un ematoma cerebrale, rimosso con successo. Prima dell'intervento era riuscito, seppur a gesti, a comunicare con i genitori. I medici non si sbilanciano e confidano nella forza del fisico di un quattordicenne. La prognosi sulla vita rimane riservata.

Continueremo ad aggiornarvi sulle condizioni di salute di questo studente, che potrebbe essere nostro figlio, fratello, nipote, il nostro migliore amico. Perché siamo convinti che dare queste notizie, cercando di farlo col massimo della discrezione, possa portare a una profonda riflessione sul delicato momento storico/sociale in cui viviamo, sul fatto che 14 anni siano un'età difficile e oggi più che mai. Cercare di capire cosa sia successo e il perché di un gesto simile è importante, per tutti noi. Le cause possono essere tante e non necessariamente attribuibili a "problemi familiari" (o quantomeno, non solo) come spesso si pensa. Ed è proprio per questo che spesso non ci si rende conto del forte "disagio" che potrebbe vivere chi abbiamo accanto. Un disagio, soprattutto quello della generazione degli adolescenti di oggi, che va analizzato, con cura.

 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.