News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • BOLZANO (ITALPRESS) – Con una sentenza del 17 giugno, il tribunale di Bolzano ha accolto le domande formulate da Movimento Consumatori, accertando “la vessatorietà della penale presente nel contratto di Sicily by Car che è imposta al consumatore in caso di sanzioni notificate alla società per infrazione del Codice della strada e per mancato pagamento […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Sono circa 140.000 gli italiani che vivono con la Sclerosi Multipla (SM), di cui oltre 11.000 in Sicilia, con circa 290 nuove diagnosi ogni anno registrate a livello regionale. La Sicilia è, dopo Lazio, Campania e Lombardia, la quarta regione italiana per numero di persone che affrontano questa malattia neurologica cronica, che […]

  • ROMA (ITALPRESS) – “Il dramma degli incendi che affligge il nostro territorio colpisce ancor di più la Sicilia, dove le piogge scarseggiano e le temperatura sono in media più alte. Le perdite già subite dall’isola in questi anni in termini di deforestazione sono ingenti, per questo oggi, nella sede del Mase, abbiamo affrontato il delicato […]

Ignazio Cutrò, testimone di giustizia con ''video-scorta''. Un carabiniere monitorerà a distanza

La sua scorta dalla mezzanotte di ieri sono delle telecamere, monitorate da un carabiniere. Questo spetta a quanto pare ad un uomo , un imprenditore che ha denunciato i suoi estorsori e che da allora rischia la sua vita.

Questo spetta ad Ignazio Cutrò, che ha denunciato i suoi estorsori nel processo "Face off", processo che si è concluso con pesanti pene per la cosca mafiosa della Bassa Quisquina.

 Proprio pochi giorni fa aveva rilasciato una lunga intervista alle telecamere di Palermo Report. Uno sfogo, nel tentativo di essere ascoltato da chi invece sembra lo stia abbandonando. Le istituzioni.

Ci aveva detto di sentirsi solo, di nuovo, e che la sua famiglia non essendo al sicuro era dovuta andare via, lasciare l'Italia. E per tutta risposta ecco cosa è successo. Via la scorta davanti casa,  piazzate invece un paio di telecamere che un agente avrà il compito di monitorare. E nell'eventualità, che qualcuno si avvicini ad un metro da casa (come già accaduto il 24 agosto del 2011 nonostante la scorta ci fosse, in carne ed ossa) quel carabiniere darà l'allarme e poi arriveranno le pattuglie. Poi. E il "poi" in certe situazioni, non sa molto di protezione. Di prevenzione.

"Io non voglio andare via da casa mia. Io non me ne vado - ripete Ignazio - adesso non riuscirò più a dormire tranquillo quelle poche ore in cui riuscivo a chiudere gli occhi".

Se la vostra incolumità fosse affidata ad una macchina, ad una telecamera, voi come vi sentireste?

 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.