News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – L’Asp di Palermo arricchisce la dotazione degli ambulatori mobili con un nuovo camper dedicato allo screening delle malattie infettive sessualmente trasmesse. A bordo del mezzo verranno effettuati, attraverso un prelievo ematico, i test per Hiv, Hcv (Epatite C) e Sifilide. “E’ un altro tassello che l’Azienda inserisce nell’organizzazione dell’attività di prossimità – […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Si chiude con un bilancio molto positivo la nuova edizione della “Acchianata Ecologica” organizzata da Confcommercio Palermo, nell’anno in cui l’organizzazione festeggia gli 80 anni dalla costituzione, partita poco dopo le 9 dalle Falde del Monte Pellegrino e conclusasi dopo circa 3,7 chilometri di salite al Santuario dove don Natale Fiorentino ha […]

  • SALINA (MESSINA) (ITALPRESS) – “Il nuovo porto di Malfa è quasi pronto, i lavori sono giugno al 90%, come Regione abbiamo investito 20 milioni per il completamento della diga foranea. Ciò consentirà di ospitare già dalla prossima stagione oltre 130 imbarcazioni”. Lo annuncia l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Aricò, ospite del focus su […]

Grande Migliore, forse c'è un acquirente ma rimane in ballo il punto vendita principale

grande-migliore

Questa mattina il corteo dei 269 lavoratori di Grande Migliore si è fatto sentire con un sit-in lungo le vie parallele a Viale Notarbartolo. 

Pare infatti che i libri contabili della società Grande Migliore saranno presto deposistati in Tribunale per avviare l'amministrazione controllata.

La novità è rappresentata dalla presenza di un potenziale acquirente, interessata ad alcuni "pezzi" della società. Come descritto nel caso del polo trapanese circa un mese fa, la Casa Crea, sembra intenzionata a portare nelle sue strutture i dipendenti e la struttura di via Costantino.

La Fisascat Cisl spera che gli interessi di Casa Crea possano allargarsi anche alla struttura storica di Viale Regione Siciliana ma la portata del debito complessivo della società, superiore ai 10 milioni di euro, lasciano perplessi altri acquirenti, consapevoli della valenza del marchio storico ma alle prese con una stretta creditizia ed una situazione economica che non permette investimenti rischiosi.