News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • MILANO (ITALPRESS) – E’ Nicole Insalaco, studentessa del corso di Laurea in Ingegneria Informatica all’Università degli Studi di Palermo, la vincitrice della sesta edizione di “Amazon Women in Innovation”, la borsa di studio promossa e finanziata da Amazon per aiutare le giovani studentesse di discipline Stem (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) a inserirsi nel settore […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Nessuno getti fango su Stromboli”. Lo dicono gli abitanti dell’isola, la cui protesta è stata raccolta dal quotidiano “La Sicilia” in edicola oggi, a proposito della fiction Rai, che sarà mandata in onda il prossimo 15 settembre, la quale durante le riprese causò un incendio che divorò l’isola. “Tutti, tranne il ministro […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Collaborazione tra Regione Siciliana e Invitalia per la realizzazione di tre nuovi ospedali a Palermo – il polo di eccellenza pediatrico, il nuovo Policlinico e l’ospedale Palermo Nord-Polo oncoematologico – e la ristrutturazione del padiglione A dell’ospedale “Cervello”, sempre nel capoluogo. Opere per un valore di 747,7 milioni di euro che rientrano […]

Discarica al cimitero dei Rotoli. Incuria di una vita. Ecco le foto

E' sporco e abbandonato. Le foto che riportiamo parlano da sole. I viali del cimitero dei Rotoli di Palermo, sono invasi dai rifiuti, dalle sterpaglie. Questo è sì, il segno che i lavoratori della Gesip hanno incrociato le braccia 20 giorni fa, bloccando di fatto i servizi per la città (e quello svolto all'interno del cimitero è uno di questi, ndr), ma ciò che abbiamo trovato durante il nostro giro all'interno delle struttura è il segno che qualcosa nella gestione della pulizia dei Rotoli non va già da troppo tempo.  La zona interdetta, a seguito della caduta massi di anni fa, evidentemente non ha impedito che i rifiuti e i residui di quanto prodotto all'interno del Cimitero, venisse scaricato in maniera evidentemente abusiva.

Le foto mostrano la parte più alta del cimitero. La più nascosta. Materiale di risulta, terra, resti di lapidi, resti di bare, guanti utilizzati per i lavori, per effettuare gli spurghi o le inumazioni, mezzi di lavoro in dotazione al cimitero, abbandonati. Tra le sezioni più in alto e quindi più nascoste, ci sono le numero 470 e 469. Segno del degrado assoluto, dell'abbandono. Tombe letteralmente sepolte da sterpaglie ed erbacce. Forse troppo faticoso raggiungere quella zona? Forse quei morti non hanno diritto ad una sepoltura degna?

Ecco quello che ieri si è presentato ai nostri occhi. Una discarica a tutti gli effetti. E la grande quantità di rifiuti e le condizioni disastrose in cui versa il cimitero, sono indicative del fatto che si tratti del frutto di anni di incuria e di deposito (abusivo) di rifiuti e non semplicemenete dello sciopero dei lavoratori Gesip dell'ultimo mese.