News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Monte Pellegrino avrà una nuova illuminazione. Un nuovo impianto ad alta efficienza energetica che sostituirà quello esistente, non funzionante perchè obsoleto e danneggiato dagli incendi, con lampade a led di ultima generazione, significative riduzioni delle emissioni climalteranti e miglioramento delle condizioni di sicurezza. L’area di interesse storico, naturalistico e turistico verrà così […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Registro con notevole soddisfazione i dati forniti dal Rapporto Almalaurea 2024 che confermano l’efficacia delle nostre strategie per garantire possibilità di lavoro qualificato ai nostri giovani laureati”. Così Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, commentando i dati del XXVI Rapporto su Profilo e sulla Condizione Occupazionale dei Laureati presentati dal Consorzio Interuniversitario […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Consegnata la prima tratta del raddoppio ferroviario tra le stazioni di Catania Bicocca e Catenanuova, realizzato in Sicilia da Webuild per conto di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS. Il progetto complessivo, che ha raggiunto l’83% dei lavori, come si legge in una nota, permetterà di incrementare i treni […]

Corsa ai pullman, il parcheggio esiste ma è riservato

 piazzetta-cairoliDa qualche tempo la stazione dei pullman di via Pietro Balsamo risulta più sgombra e vivibile. Niente più pullman in seconda fila, niente più ingorghi apocalittici per l'attesa dei pendolari in arrivo ed in partenza da Palermo, una calma quasi civile. Dove sono finiti i pullman? L'amministrazione comunale ha scoperto la vicina Piazzetta Cairoli, una traversa di Corso dei Mille che si trova e ha permesso di tenere, come previsto per legge, una stazione dei pullman nelle dirette vicinanze della Stazione Centrale. Dopo qualche lavoro di rifinitura, da un paio di mesi la stazione funziona a pieno regime. Peccato che lo spazio ricavato sia all'interno di uno spazio riservato fino a poco tempo fa ai dipendenti delle Ferrovie dello Stato e l'ingresso ai mezzi sia punibile con una multa. Poco male, lasciamo la macchina all'ingresso di via Pietro Balsamo, proviamo a raggiungere le biglietterie a piedi. Al nostro ritorno una bella multa ci ricorda che in tutta la zona di accesso il posto auto è riservato ai taxi. Proviamo a "forzare" il blocco, reso più blando dal buon senso e scopriamo qualcosa di incredibile. Oltre alla stazione dei pullman è stato predisposto un enorme parcheggio illuminato da più di 500 posti con tanto di zone blu, telecamere di sorveglianza e tutto il resto. Cosa c'è di strano? Il parcheggio è pronto da due mesi ma non è stato inaugurato, quindi è inagibile. A ricordarcelo, le ultime barriere che delimitano l'enorme parcheggio, sempre più lacerate dai taxisti e da chi accompagna i pendolari. 

Per nostra fortuna ogni tanto alla guardiola dell'ingresso della nuova stazione dei pullman di Piazzetta Cairoli ci aspetta un zelante funzionario che ci ricorda come l'ingresso è riservato esclusivamente ai dipendenti delle Ferrovie dello Stato e l'ingresso sarebbe passibile di una salata multa. Attendiamo poco fuori, fermandoci nella via che collega Corso dei Mille a Piazzetta Cairoli e dopo essere stati rimbalzati come una pallina da ping pong ci accorgiamo che l'intera zona è costellata di cartelli di divieto di fermata e di sosta. Sfidiamo il blocco, confidando nel buon senso di chi ci osserva dalla guardiola.

Ci è andata bene. Chiediamo come sia possibile avere una postazione pronta per ricevere le auto in sosta, avere una stazione dei pullman perfettamente funzionante ma impossibile da raggiungere da chi non sia dipendente delle Ferrovie dello Stato. La persona in guardiola ci guarda e fa spallucce. Ci fosse un sindaco ed una giunta funzionante basterebbe fare una rapida cerimonia di inaugurazione, una piccola azione di governo per accordarsi con le Ferrovie dello Stato e concedere uno spazio utile alla cittadinanza ma in tempi di campagna elettorale, si sa, valgono più le promesse che le semplici azioni concrete