News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Canile Municipale: il commissario Latella approva il protocollo d’intesa con associazioni animaliste

Diamo spazio per correttezza alla replica di due volontari del Canile riportando i loro commenti (che trovate comunque di seguito all'articolo): "Salve, ci tenevo a precisare che durante lo stato di agitazione GESIP, i cani non sono stati lasciati digiuni. I servizi essenziali sono stati garantiti. E' stato invece impedito l'ingresso al pubblico e ai volontari e quindi di conseguenza sono state bloccate le adozioni" - "I cani non erano digiuni la gesip garantiva pulizia e cibo".

Ribadiamo che le notizie che abbiamo noi, relative agli ultimi giorni,  sono opposte a queste e ci chiediamo comunque come abbiano fatto i volontari a verificare il regolare svolgimento dei servizi all'interno del canile, se in quei giorni l'ingresso nella struttura era inibito.

------------------------------------------

Cani abbandonati a loro stessi, lasciati a morire di fame, i lavoratori della Gesip con le braccia conserte per protesta, volontari animalisti e cittadini in rivolta per le condizioni del Canile Municipale di via Tiro a segno e per il "divieto d' ingresso" nella struttura. In questo clima poco sereno e di grande preoccupazione per la sorte degli animali, ieri è stato approvato il protocollo d'intesa per affidare la gestione del canile ad un'associazione Temporanea di Scopo per un periodo di due mesi, a partire dal prossimo 21 aprile data in cui scadrà il contratto con la Gesip.

Il protocollo è stato sottoscritto nel 2010, tra l'amministrazione comunale e le associazioni animaliste, per lo svolgimento di alcune attività di supporto al Canile municipale. Si tratta della E.N.P.A (ente nazionale protezione animali), associazione Ada - amici degli animali con sede a palermo, L.I.D.A.- lega italiana diritti dell'animale, denominata LIDA Palermo, OIPA -  Organizzazione internazionale protezione animali, A.S.V.A. - associazione siciliana volontari animalisti ed Ente Difesa gatti – Rifugio del gatto.

In assenza del rinnovo del contratto con Gesip, la gestione del canile dovrà essere comunque garantita per la tutela e il benessere degli animali, da qui l'approvazione, ieri, del protocollo da parte del Commissario Latella. Lo scorso 28 marzo le associazioni A.D.A (associazione Amici degli animali) e Lega nazionale per la Difesa del Cane sezione di Palermo, iscritte all'albo regionale, hanno manifestato, previa costituzione di Associazione temporanea di Scopo la loro disponibilità ad occuparsi dei servizi di pulizia delle gabbie, accudimento cani (lavaggio, somministrazione cibo), accalappiamento e re immissione dei cani nel territorio, della movimentazione delle carcasse all'interno del canile e collocazione delle carcasse all'interno della cella frigorifera del canile stesso e assistenza al Presidio veterinario. Alle associazioni sarà erogato un rimborso forfettario pari a 400 euro al giorno per un periodo di due mesi, oltre un rimborso bimestrale di 210 euro per la copertura assicurativa. Il commissario ha quindi dato mandato al Dirigente del servizio Igiene e sanità di impegnare la spesa di 24 mila 210 euro per il servizio.

Il protocollo d'intesa potrà essere prorogato dall'amministrazione comunale nel caso in cui il servizio non dovesse essere riaffidato alla Gesip S.P.A. Poco male.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.