News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Collaborazione tra Regione Siciliana e Invitalia per la realizzazione di tre nuovi ospedali a Palermo – il polo di eccellenza pediatrico, il nuovo Policlinico e l’ospedale Palermo Nord-Polo oncoematologico – e la ristrutturazione del padiglione A dell’ospedale “Cervello”, sempre nel capoluogo. Opere per un valore di 747,7 milioni di euro che rientrano […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – È stata inaugurata la tratta metropolitana “Nesima-Monte Po” a Catania. È lunga 1,7 km, comprende due nuove stazioni: “Fontana” e “Monte Po”. Il costo complessivo dell’intervento è stato di 93 milioni di euro, con un totale per km di 54,7 milioni di euro. Il costo della singola opera, cioè della galleria continua […]

  • TRAPANI (ITALPRESS) – Un trattamento ricompressivo in camera iperbarica è stato eseguito nelle scorse ore nel Centro iperbarico di Favignana (Tp). La paziente, una turista veneta di ventiquattro anni colpita da malattia da decompressione in seguito ad un’immersione subacquea nelle acque dell’isola di Marettimo, è stata trasportata con l’idroambulanza del Presidio Territoriale di Emergenza di […]

Bersani, Cracolici e Lupo, quel miracoloso caffè che potrebbe avere messo tutto a posto.

Che il caffè a Palermo lo facessero buono, è fuori discussione, ma che in via Notarbartolo ci fosse un bar in cui addirittura il caffè fa anche i miracoli, è qualcosa in più che ora sappiamo. Proprio quel bar in cui due giorni fa Bersani, Cracolici e Lupo, lontani da tutto e da tutti si sono ritrovati attorno a tre tazzine bianche e fumanti di un aroma inconfondibile... l'aroma dell'accordo. Del resto si sa, che in politica il caffè ha sempre recitato un ruolo imprescindibile da qualsiasi alleanza; attorno a un caffè molti dei peggiori avversari sono diventati amici per la pelle. A Palermo è certo che attorno a quel caffè qualcosa è successo. E lo si evince essenzialmente dalle parole che Bersani ha pronunciato dal palco del teatro Zappalà. "Rita Borsellino è il candidato del Partito" frase ribadita anche da Veltroni e dalla Bindi in altre occasioni. Tanto per essere chiari. Certo è che Bersani da accomodante emiliano una cosa la sa bene: dopo Milano e Genova non può perdere le primarie di Palermo altrimenti qualcuno potrebbe iniziare a parlare di segreteria nazionale...

Allora quale potrebbe essere stato l'accordo dei tre, attorno a quel caffè? Potrebbe per caso essere stato cedere un po tutti sulle rispettive posizioni, per non scontentare il mega segretario supremo. Per esempio Lupo potrebbe avere detto " quel cattivo di Antonello Cracolici mi vuole sfiduciare, si proprio a me, brutto cattivo". E Cracolici di contro suo avrebbe potuto replicare " e Lupo vuole fare cadere il Governo Lombardo e a me mi si rompono tutti i giocattolini...uffa" A quel punto il papà Bersani avrebbe potuto dire " la Borsellino deve vincere! e su questo non siamo qua certo a pettinare le bambole, ragazzi miei" e allora se voi litigate decido io: "Da questo momento tu Antonello mi allenti la morsa su Ferrandelli e tecnicamente lo molli sui voti che gli hai promesso per le primarie, l'11 marzo non mi sfiduci Lupo e di contro lui si impegna a non levare la fiducia a Lombardo e a fare arrivare il Governo regionale fino a fine mandato" Ok si Ok! Ma proprio quando tutto sembrava concordato una vocina mormorò: "scusa capo ma a Ferrandelli chi glie lo dice? Nessuno ovviamente, anzi portatelo al teatro Zappalà che gli faccio dei sorrisoni e poi gli dico che lo porto alla camera se si iscrive al PD. Anche perchè se perde da qualche parte si deve iscrivere no....