News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Arrestato in Romania Elio Ciolini, detto il depistatore

Dopo vent'anni di silenzio torna Elio Ciolini, un informatore che aveva dato preziose anticipazioni sul delitto Lima e sulle stragi del '92. Ciolini fu accusato, qualche anno prima, di aver cercato di depistare, con le sue informazioni, le indagini sulla strage di Bologna e per questo, ai tempi degli omicidi eccellenti e della politica stragista di Cosa Nostra, venne tenuto poco in considerazione e bollato con il soprannome di "depistatore". Elio Ciolini, oggi 66enne, è stato arrestato mercoledì in Romania. La sua cattura potrebbe rivelarsi importante per i Pm di Palermo, che potrebbero decidere di ascoltare Ciolini su quelle rivelazioni riguardanti Lima e Falcone. 
Dal carcere in cui era finito nel '91 per depistaggio, il 4 marzo 1992 inviò una lettera al giudice istruttore di Bologna. Sulla missiva, che riportava come oggetto «Nuova strategia di tensione in Italia», c'era scritto: «Nel periodo marzo-luglio di quest’anno avverranno fatti intesi a destabilizzare l’ordine pubblico come esplosioni dinamitarde intese a colpire quelle persone "comuni" in luoghi pubblici, sequestro ed eventuale "omicidio" di esponente politico Psi, Pci, Dc sequestro ed eventuale "omicidio" del futuro Presidente della Repubblica..."
Otto giorni dopo a Mondello, veniva ucciso l'europarlamentare Salvo Lima, braccio destro di Giulio Andreotti, principale candidato ad ottenere la poltrona di Presidente della Repubblica.
La storia si ripete: il 18 marzo Ciolini mandò un’altra lettera in cui scriveva: «Non a caso la mia informazione sugli eventi di quanto in oggetto, per sfortuna, si è rivelata giusta... Ora, "bisogna" attendersi un’operazione terroristica diretta ai vertici Psi, a personaggio di rilievo». Dopo poco più di due mesi veniva ucciso il giudice Giovanni Falcone.