News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Monte Pellegrino avrà una nuova illuminazione. Un nuovo impianto ad alta efficienza energetica che sostituirà quello esistente, non funzionante perchè obsoleto e danneggiato dagli incendi, con lampade a led di ultima generazione, significative riduzioni delle emissioni climalteranti e miglioramento delle condizioni di sicurezza. L’area di interesse storico, naturalistico e turistico verrà così […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Registro con notevole soddisfazione i dati forniti dal Rapporto Almalaurea 2024 che confermano l’efficacia delle nostre strategie per garantire possibilità di lavoro qualificato ai nostri giovani laureati”. Così Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, commentando i dati del XXVI Rapporto su Profilo e sulla Condizione Occupazionale dei Laureati presentati dal Consorzio Interuniversitario […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Consegnata la prima tratta del raddoppio ferroviario tra le stazioni di Catania Bicocca e Catenanuova, realizzato in Sicilia da Webuild per conto di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS. Il progetto complessivo, che ha raggiunto l’83% dei lavori, come si legge in una nota, permetterà di incrementare i treni […]

Anello ferroviario e riavvio dei lavori, se ne è parlato a Bruxelles

anello-sis

Per sbloccare la situazione del passante ferroviario a Palermo, si è tenuto un incontro, probabilmente decisivo a Bruxelles, alla presenza dell'assessore per il bene comune della mobilità del Comune di Palermo, Tullio Giuffrè. Presso la Direzione Generale per gli Affari Regionali della Commissione Europea a Bruxelles erano presenti anche i rappresentanti della Regione Siciliana e di RFI, Rete Ferroviaria Italiana, l'azienda incaricata della realizzazione delle infrastrutture.

"Nel corso dell'incontro - afferma Giuffre' - abbiamo affrontato due temi di particolare importanza per lo sviluppo della mobilita' a Palermo: quello del Passante Ferroviario e quello della chiusura dell'Anello, che permetterebbe di realizzare un circuito metropolitano completo." Strutture già avviate e puntualmente bloccate in prossimità dell'estate. Il primo stop & go è arrivato per il ritardo nel rilascio della necessaria certificazione antimafia ad un'impresa e nel secondo caso a seguito del contenzioso aperto dall'impresa appaltatrice ed RFI, che ha portato ad una lievitazione dei costi considerevole.

"Abbiamo saputo - ha affermato Giuffre' - che l'impresa SIS ha ricevuto la certificazione antimafia ma da RFI non abbiamo ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale circa la ripresa dei lavori. Per parte del Comune abbiamo ribadito la nostra disponibilita' a supportare in ogni modo necessario la logistica dell'opera, tramite la concessione delle aree di cantiere e i necessari interventi per la viabilita' connessa".

Per quanto riguarda invece l'Anello Ferroviario, e' stato innanzitutto compiuto un escursus sulle ragioni che hanno portato al blocco dell'appalto del primo lotto. In particolare e' stato ricordato che un contenzioso ha portato all'aumento dei costi progettuali di circa 30 milioni di euro, fino agli attuali 154. Chiudere "l'anello metropolitano" è uno dei punti salienti del programma della giunta Orlando, imprenscindibile per poter rivalutare un nuovo ed organico piano del traffico.