News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Ancora guai per il comune un dirigente e un funzionario indagati

 

La questione è quella relativa allo smantellamento dell'ex stabilimento Coca Cola di Palermo nel rione Tommaso Natale, nei pressi di sferracavallo. In quell'area è da tempo in corso la progettazione di un mega cinema multisala. Ma l'inchiesta della Procura che ormai va avanti da mesi sembrerebbe entrare nel vivo delineando i reati di abuso d'ufficio e violazioni edilizie

Quattro persone sono finite iscritte nel registro degli indagati. Si tratta dell'imprenditore Santo Giuseppe Lanzafame, del progettista Adriano Canepa e dei dipendenti comunali Maria Mandalà e Andrea Schirò. Gli ultimi due sono proprio capo area del settore Sviluppo economico e tecnico dello Sportello unico per le attività produttive del comune di Palermo.
Nelle ipotesi avanzate in sede di indagine dalla procura ci sarebbero elementi sostanziali, tra cui il fatto
che il progetto di Tommaso Natale non avrebbe avuto in realtà i requisiti necessari per essere approvato, ma il via a procedere con la realizzazione sarebbe giunto proprio grazie alla "collaborazione" del dirigente e del funzionario comunale. Tutti hanno ricevuto la proroga delle indagini coordinate dal pubblico ministero Daniele Paci.