News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Condividere competenze e conoscenze per tutelare la biodiversità siciliana e sviluppare una rete di ricerca all’avanguardia che possa orientare le pratiche e le politiche istituzionali nel campo della sostenibilità ambientale. Con questi obiettivi è stato firmato, a Palazzo d’Orlèans, a Palermo, un accordo di collaborazione con il National biodiversity future center (Nbfc), […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non è un semplice acronimo, ma un primo approccio per mettere il cliente a proprio agio: “Ciao”, sigla di Customer Information Assistance Office, è il nome che Ita Airways ha scelto per il nuovo centro assistenza clienti di Palermo, situato a Palazzo Gamma e inaugurato alla presenza dei vertici dell’azienda, del primo […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Il Comune di Catania, Rete Ferroviaria Italiana e FS Sistemi Urbani, rispettivamente società capofila del Polo Infrastrutture e del Polo Urbano del Gruppo FS, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa finalizzato al potenziamento infrastrutturale e alla rigenerazione urbana delle aree dismesse o in dismissione di proprietà del Gruppo FS presenti nella città siciliana.Il […]

Anche a Palermo la Guardia di Finanza blocca un giro di falsi abbonamenti a canali satellitari

 

card

Dopo Catania, le indagini sul card sharing arrivano anche a Palermo dove è stato scoperto un centro di smistamento di falsi abbonamenti a Sky e Mediaset Premium che permetteva abbonamenti a prezzi stracciati.

Le indagini sono ancora in corso e sembrano possano allargarsi presto al resto d'Italia, ma la procedura di "smistamento" rimane per tutti uguale. Tramite la rete ADSL era infatti possibile dirottare il segnale satellitare ricevuto da un utente con regolare contratto Sky o Mediaset Premium, rivendendolo a decine di utenti pirata.

Il "laboratorio" che smistava il segnale a Palermo era centrato all'interno di un magazzino nel centro di Bagheria, a pochi chilometri da Palermo, ben camuffatto tra mezzi agricoli. Il sistema preveda l'utilizzo di particolari apparecchi chiamati "DreamBox", in grado di dirottare il segnale ADSL proveniente da Internet in segnale adatto ad essere trasmesso su televisori.

Altri 55 utenti finali sono stati rintracciati grazie agli indirizzi IP agganciati al sistema di smistamento e alla ricostruzione del metodo di pagamento. Per pagare i creatori della rete pirata, gli utenti pagavano delle quote mensili tramite carte prepagate e PostePay intestate a persone ignare del raggiro e da cui i pirati prendevano mensilmente le loro quote.

Per i 55 utenti finali, l'organizzatore del sistema ed il suo complice, incaricato di "procacciare clienti", si prospettano tre anni di reclusione per violazione del dirtto d'autore.