News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Collaborazione tra Regione Siciliana e Invitalia per la realizzazione di tre nuovi ospedali a Palermo – il polo di eccellenza pediatrico, il nuovo Policlinico e l’ospedale Palermo Nord-Polo oncoematologico – e la ristrutturazione del padiglione A dell’ospedale “Cervello”, sempre nel capoluogo. Opere per un valore di 747,7 milioni di euro che rientrano […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – È stata inaugurata la tratta metropolitana “Nesima-Monte Po” a Catania. È lunga 1,7 km, comprende due nuove stazioni: “Fontana” e “Monte Po”. Il costo complessivo dell’intervento è stato di 93 milioni di euro, con un totale per km di 54,7 milioni di euro. Il costo della singola opera, cioè della galleria continua […]

  • TRAPANI (ITALPRESS) – Un trattamento ricompressivo in camera iperbarica è stato eseguito nelle scorse ore nel Centro iperbarico di Favignana (Tp). La paziente, una turista veneta di ventiquattro anni colpita da malattia da decompressione in seguito ad un’immersione subacquea nelle acque dell’isola di Marettimo, è stata trasportata con l’idroambulanza del Presidio Territoriale di Emergenza di […]

Allarme laghi in Sicilia, un appello arriva da Legambiente

"Goletta dei laghi" ha fatto tappa in Sicilia ed ha trovato una situazione preoccupante, i laghi nella nostra Regione sono ridotti male. A lanciare l'allarme è Gianfranco Zanna, direttore regionale di Legambiente: "In Sicilia, purtroppo, ci si occupa dei laghi, o meglio degli invasi artificiali, solo quando sono quasi vuoti e non riescono a soddisfare l'atavico bisogno di acqua di quasi tutte le province siciliane. Questo e' un duplice errore - continua Zanna - innanzitutto perche' anche noi abbiamo degli importanti laghi naturali che arricchiscono, e non di poco, il nostro patrimonio naturalistico e paesaggistico per un turismo di qualita' ed ecosostenibile. E poi non dimentichiamo che i tanti invasi artificiali fanno parte anche della nostra storia sociale e politica e sono stati al centro di lotte contadine e di interessi speculativi della mafia, che ha intimorito e ucciso per aggiudicarsi gli appalti e i subappalti per la loro costruzione". 
Poi l'appello alla Regione dell'ambientalista: "chiediamo un'azione coordinata per il monitoraggio e la salvaguardia dei nostri specchi d'acqua. Nelle sei riserve naturali e nelle due aree protette gestite dalle province di Caltanissetta e Messina finora è mancata una vera e propria opera di gestione".