News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Autorizzato dal presidente della Regione l’avvio delle procedure per l’attivazione del reparto di Neurochirurgia pediatrica all’ospedale Civico di Palermo.Il via libera è arrivato nel corso di un incontro operativo a Palazzo d’Orleans tra il presidente Schifani, l’assessore alla Salute Volo, il dirigente generale Iacolino e il commissario del Civico Messina.Nel corso della […]

  • NEW YORK (ITALPRESS) – Quest’anno anche New York rende omaggio a Santa Rosalia, patrona della città di Palermo. Perchè per la “Santuzza”, simbolo di rinascita e speranza, non è un anno come tutti gli altri: nel 2024 ricorre il quattrocentesimo anniversario del ritrovamento delle sue reliquie miracolose. Nella Grande Mela sono stati due giorni di […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Come creare una strategia di marketing efficace con l’Intelligenza Artificiale”, è il tema del webinar formativo gratuito, promosso dal Punto Impresa digitale della Camera di Commercio Palermo ed Enna che si svolgerà lunedì prossimo, alle 10. Durante il webinar verranno illustrati gli strumenti di Intelligenza Artificiale più utili per il marketing, ma […]

Allarme default in Sicilia, tra attacchi, sarcasmo e orche islandesi. Il ''Nord'' intanto corre a ripari...

Mentre il presidente Lombardo cerca di far rientrare (a parole) l'allarme default per la Sicilia, lanciato dall'ex presidente di Confindustria Ivan Lo Bello e che ha portato alle ultime dichiarazioni del presidente del Consiglio Mario Monti ("Il Presidente Lombardo confermi le dimissioni", ndr),  arrivano immancabili gli attacchi dagli amministratori delle regioni del Nord. A partire dalla Lega Nord in Regione Emilia Romagna  che ha dichiarato "Gli emiliano romagnoli non devono pagare i debiti folli della Sicilia". I consiglieri del gruppo, Mauro Manfredini, Manes Bernardini, Stefano Cavalli e Roberto Corradi hanno presentato una risoluzione per impegnare la giunta ad attivarsi presso il Governo con ogni mezzo "affinché in caso di default della Regione Sicilia non vengano a livello statale introdotte nuove tassazioni o rincarate quelle già in essere, ribadendo la necessità di alleggerire il peso fiscale per la sopravvivenza dell'economia reale". Si dicono "indisponibili a pagare sprechi, clientelismo, politiche dissennate e anni di mancata crescita della Sicilia", La Lega su questo punto appare compatta, atti analoghi sono stati presentati infatti, dai colleghi delle altre Regioni del Nord.

E non è mancato  lo scherno affidato a Twitter, come quello del presidente della Lombardia, Roberto Formigoni che ha commentato "Na terra accussì bedda, a stannu affunnannu. Lombardo, di lombardu ha sulu u cugnomu" (tradotto: "una terra così bella la stanno affondando. Lombardo di lombardo ha solo il cognome", ndr) . Frase che da un lato non può non strappare un sorriso se pur amaro, dall'altro però porta a ricordare che la Lombardia in quanto a vicissitudini particolari e alquanto discutibili, in questo momento non è seconda a nessuno.

In questo clima difficile per la Sicilia, gli sprechi di Palazzo dei Normanni dunque sono sotto i riflettori più che mai, e i quotidiani non perdono tempo per ricordarli: sei milioni (di lire) al mese che la Regione ha pagato per decenni per la "pensione" islandese di due orche marine acquistate a metà degli anni '80 per un costo di circa 200 milioni di lire e che sarebbero dovute andare al parco acquatico di Sciacca, mai realizzato. La formazione professionale che secondo le stime pubblicate sul Tgcom, costa alla Regione 240 milioni l'anno; 21 delle 34 società partecipate sono in rosso. I 17.995 dipendenti regionali da pagare, che con quelli delle società controllate o partecipate, le sedi distaccate e i contratti a tempo determinato arrivano a 28.796. Le persone che lavorano per la presidenza della Regione infine, sono 1.385 e i dirigenti nei vari uffici sono 192.

Il Governatore Lombardo ha risposto al presidente del Consiglio dicendo "Avrò modo di chiarire al presidente Monti la massa di equivoci e menzogne che si sono lette in questi giorni. La Regione Siciliana non è a rischio default. Tutto il resto sono chiacchiere per nulla disinteressate. Il bilancio è certificato dalla Corte dei conti, e i nostri conti sono qualificati 'baa2', come il comune di Milano e di Venezia. Dietro di noi ci sono il Lazio, la Campania e il Molise".

Magari, oltre al presidente Monti, il Governatore potrebbe chiarire, carte alla mano, anche ai siciliani.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.