News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Un confronto tra diversi attori istituzionali per riflettere su ruolo e sfide della filiera dell’Healthcare: a promuoverlo è Unicredit, in un incontro tenutosi alla Camera di commercio Palermo-Enna per approfondire le opportunità di crescita non solo delle aziende, ma anche del sud in uno scenario che nei prossimi mesi rischia di vedere […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Affermazione della Cisl Scuola a livello nazionale che moltiplica la propria rappresentanza da 2 a 5 seggi e ottiene di avere componenti in tutti gli ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado). “Si tratta di una bella soddisfazione, ci viene riconosciuto un largo consenso come risultato di un […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “L’articolo 116 della Costituzione era stato introdotto dal centrosinistra nel 2001 con solo tre voti di scarto in Senato. Adesso se si sono pentiti di questa scelta ne prendiamo atto, ma non vengano a dire che spacca in due il Paese. Il tema del Mezzogiorno è la capacità di spesa: su questo […]

Alfano: ''Il futuro del Pdl non dipende dalla Sicilia. Però vorremmo un incoraggiamento...''

Il voto in Sicilia? Importante, ma non fondamentale. Parola del segretario del Pdl Angelino Alfano, a Palermo per incontrare la stampa e chiudere la campagna elettorale in supporto di Nello Musumeci.

"Il futuro del Pdl – parola di Alfano - non dipende dal voto in Sicilia. Sono importanti, ma non viviamo o moriamo in base alle elezioni qui. La sfida è rifondare il centrodestra italiano, cominciando dalle elezioni primarie del 16 dicembre. Le elezioni in Sicilia non determineranno la vita o la morte del partito. Certo vorremmo un incoraggiamento".

Che tradotto significa "dico ai siciliani di votare Nello Musumeci e il Pdl. Musumeci – prosegue Alfano – è persona perbene e ha già dimostrato di sapere amministrare. Lo ha già fatto e con successo. La scelta definitiva è tra Musumeci e Crocetta. E' indispensabile non disperdere il voto tra altri candidati senza chance di successo. Musumeci restituirà alla Sicilia quella buona reputazione persa con la gestione di Lombardo".

A poche ore dal voto, Alfano non si risparmia: da Grillo al Pd, nessuno è esente.

"Non neghiamo – dice – che Grillo riempia le piazze. L'antipolitica nasce dal fatto che i politici non hanno fatto bene. La cosa certa è che noi abbiamo un solo modo per contrastare l'antipolitica: mettere in prima fila persone per bene capaci e in gamba che dimostrino che si può fare politica senza rubare".

Quanto al Pd "cerca – spiega il segretario Pdl – di fare dimenticare il passato. E' stato protagonista di un ribaltone, poi ha succhiato a Lombardo tutto il potere possibile per poi abbandonarlo quando il potere era finito. Questa sinistra non deve governare".

E se il Pd nell'Isola è alleato dell'Udc, ecco servito anche il partito di Casini. "Con questa alleanza- dice Alfano – non sono in grado di fare i provvedimenti che noi, forti di un'unione omogenea, possiamo mettere in atto".

E, sollecitato dai cronisti, c'è anche una frecciata a Gianfranco Miccichè, candidato alla Presidenza della Regione: "Tra interviste, comizi, spazi sulla carta stampata e passaggi tv ha parlato più di me che di sè e dei suoi programmi per la Sicilia in questa campagna elettorale. Non gli ho mai risposto fino ad oggi, figuriamoci se intendo farlo adesso" .