News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Approvazione del bilancio e discussione sulla compatibilità dell’incarico all’ordine del giorno del prossimo Cda della Foss che esaminerà la nota dell’Ufficio legale della Presidenza della Regione siciliana sulla posizione del sovrintendente Andrea Peria Giaconia.L’Avvocato della Regione, Giovanni Bologna, in una nota inviata nei giorni scorsi, sottolinea come, in base alla finanziaria regionale […]

  • ROMA (ITALPRESS) – Il presidente di Sicindustria, Luigi Rizzolo, è il nuovo presidente di SFC – Sistemi Formativi Confindustria, la società che progetta e coordina al livello nazionale iniziative di formazione, ricerca, sviluppo e assistenza tecnica finalizzate a supportare il Sistema Associativo, sostenere la crescita competitiva delle pmi e favorire la modernizzazione della pubblica amministrazione.Cinquantuno […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Vincenzo Agostino è stato da trentacinque anni – insieme alla sua amatissima moglie Augusta Schiera -, da quel tormentoso 5 agosto 1989, una vedetta, una sentinella, un vegliardo. Nonostante il buio della notte, allorchè nel suo spirito poteva scendere una schiacciante angoscia, è diventato una fonte di incrollabile speranza per noi tutti, […]

Alfano chiama Cascio: Sto per chiudere l'accordo con l' UdC

Il PdL "scalda i Motori" ma non è detto che la prima marcia sarà ingranata per Francesco Cascio. La sede è stata scelta oltre 500 mq in via Libertà le liste iniziano a comporsi, dovrebbero essere tre una composta dai consiglieri comunali uscenti, una con il simbolo Cascio Sindaco e una civica. Che i motori roboanti siano accesi è certo, lo è forse meno che serviranno a spingere la macchina in cui è seduto al volante Francesco Cascio quale futuro candidato a sindaco di Palermo. Cosa ancora meno chiara è ancora la coalizione dei partiti che dovranno mettere la “benzina alla macchina”. La partita definitiva in realtà si gioca su due fronti, che paradossalmente hanno poco a vedere con il PdL stesso. Il primo fronte è quello delle primarie del centro sinistra. Infatti se dovesse vincere Rita Borsellino, l'asse Lombardo PD filo governativi si indebolirebbe fortemente a tal punto da poter mettere in dubbio la durata del governo regionale fino alla fine del proprio mandato. A quel punto è molto probabile che UdC e Grande Sud di Miccichè si ricompattino con il PdL e potrebbe uscire un nome diverso da quello di Francesco Cascio, che potrebbe tirare un bel sospiro di sollievo. Se, invece dovesse vincere Fabrizio Ferrandelli, il governo Lombardo non sarebbe più a rischio UdC,FLI, MPA, e Miccichè potrebbero realmente continuare la partita su Massimo Costa, costringendo il PdL a estremi compromessi o a correre da solo. A questo punto è plausibile che Cascio sia l'agnello sacrificale. Ma c'è di più, perchè sull'altro fronte, quello nazionale, si sta muovendo qualcosa. Berlusconi cambia nome e inno al PdL, facendo intravedere un nuovo progetto aggregativo di un'area moderata centrista, e a neanche 24 ore Pier Ferdinando Casini, leader dell'UdC, ne declama l'interesse e la possibilità di valutare un progetto nuovo insieme al PdL. Cosa, che se avvenisse realmente, non potrebbe che condizionare gli apparentamenti politici anche su Palermo. A questo punto UdC potrebbe uscire dal Terzo Polo e riproporre un'alleanza centrista moderata con Angelino Alfano. “ niente, niente potrebbe rispuntare il nome di Lagalla candidato a sindaco di Palermo?”