News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Monte Pellegrino avrà una nuova illuminazione. Un nuovo impianto ad alta efficienza energetica che sostituirà quello esistente, non funzionante perchè obsoleto e danneggiato dagli incendi, con lampade a led di ultima generazione, significative riduzioni delle emissioni climalteranti e miglioramento delle condizioni di sicurezza. L’area di interesse storico, naturalistico e turistico verrà così […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Registro con notevole soddisfazione i dati forniti dal Rapporto Almalaurea 2024 che confermano l’efficacia delle nostre strategie per garantire possibilità di lavoro qualificato ai nostri giovani laureati”. Così Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, commentando i dati del XXVI Rapporto su Profilo e sulla Condizione Occupazionale dei Laureati presentati dal Consorzio Interuniversitario […]

  • CATANIA (ITALPRESS) – Consegnata la prima tratta del raddoppio ferroviario tra le stazioni di Catania Bicocca e Catenanuova, realizzato in Sicilia da Webuild per conto di RFI, società capofila del Polo Infrastrutture del Gruppo FS. Il progetto complessivo, che ha raggiunto l’83% dei lavori, come si legge in una nota, permetterà di incrementare i treni […]

Aeroporto di Palermo, il Comune è pronto a lasciare

aeroporto falcone e borsellino palermoPare ormai certo che la quota di partecipazione del Comune di Palermo alla Gesap pari al 31% sarà messa in vendita sul libero mercato. Pare che sia già stato dato all'Assessore al Bilancio Giuseppe Cento il compito di definire il piano di cessione: il valore nominale della quota è circa 6milioni e 700 mila euro, ma il controvalore commerciale si potrebbe attestare intorno agli 80 milioni.

Bisognerà capire se gli altri soci eserciteranno il diritto di prelazione; infatti, la Provincia Regionale di Palermo già possiede il 41%, la Camera di Commercio il 22% e il Comune di Cinisi il 3,5%, oltre alcuni decimali sparsi.

Nonostante l'indirizzo all'operazione l'avesse dato il Consiglio Comunale, con l'avvio della c.d. "ricognizione delle aziende partecipate", oggi che la questione si fa attuale le polemiche non mancano. Infatti è il Partito Democratico a sollevare tutte le accezioni di opportunità del caso.

Ma la riflessione che va fatta non è quella politica, ma a nostro avviso strategica e funzionale. Si parla di uno degli scali più importanti d'Italia con una posizione strategica importantissima per tutti i voli per il bacino sud del Mediterraneo, che andrebbe potenziato e sviluppato in tal senso, senza se e senza ma. Pensiamo sempre che per andare ad esempio a Tunisi, circa 35 minuti di volo da Palermo, oggi si è costretti al seguente iter: Palermo-Roma – Roma-Tunisi, se non addirittura Palermo-Milano - Milano-Tunisi.