News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Un confronto tra diversi attori istituzionali per riflettere su ruolo e sfide della filiera dell’Healthcare: a promuoverlo è Unicredit, in un incontro tenutosi alla Camera di commercio Palermo-Enna per approfondire le opportunità di crescita non solo delle aziende, ma anche del sud in uno scenario che nei prossimi mesi rischia di vedere […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Affermazione della Cisl Scuola a livello nazionale che moltiplica la propria rappresentanza da 2 a 5 seggi e ottiene di avere componenti in tutti gli ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado). “Si tratta di una bella soddisfazione, ci viene riconosciuto un largo consenso come risultato di un […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “L’articolo 116 della Costituzione era stato introdotto dal centrosinistra nel 2001 con solo tre voti di scarto in Senato. Adesso se si sono pentiti di questa scelta ne prendiamo atto, ma non vengano a dire che spacca in due il Paese. Il tema del Mezzogiorno è la capacità di spesa: su questo […]

Addaura Reef, ipotesi di reato pesantissime

A Palermo troppo spesso, dietro ogni cosa anche ben fatta, c'è sempre qualcosa che non fila liscio. L'Addaura Reef, quello che per anni è stato uno dei luoghi cult della movida “fighetta” palermitana, così come lo è stato per oltre un decennio il noto locale la Cuba, ha già chiuso e oggi la Procura della Repubblica ipotizza ipotesi di reato pesantissime che coinvolgerebbero insospettabili volti noti della città. Truffa ai danni della Regione, emissione di fatture false, e abuso d'ufficio, con queste ipotesi di reato il Giudice delle udienze preliminari ha rinviato a giudizio, Daniele Di Gregoli, rappresentate legale della Calanica snc, la società che gestiva il lido balneare Addaura Reef. Daniele Di Gregoli, ex dirigente dell'ufficio Grandi eventi del Comune di Palermo, Massimo Collesano, ex responsabile del Servizio mare e costa dell'ufficio Opere pubbliche, Girolamo Aldo Carano, oltre ai titolari di due ditte che si sarebbero prestate al gioco di fatture false per consentire alla società di Daniele Di Gregoli di ottenere i finanziamenti dalla regione, circa 230 mila euro.Oltre a ciò emerge che l'area sarebbe stata assegnata senza alcun avviso pubblico. Tutto nella migliore tradizione....