News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Autorizzato dal presidente della Regione l’avvio delle procedure per l’attivazione del reparto di Neurochirurgia pediatrica all’ospedale Civico di Palermo.Il via libera è arrivato nel corso di un incontro operativo a Palazzo d’Orleans tra il presidente Schifani, l’assessore alla Salute Volo, il dirigente generale Iacolino e il commissario del Civico Messina.Nel corso della […]

  • NEW YORK (ITALPRESS) – Quest’anno anche New York rende omaggio a Santa Rosalia, patrona della città di Palermo. Perchè per la “Santuzza”, simbolo di rinascita e speranza, non è un anno come tutti gli altri: nel 2024 ricorre il quattrocentesimo anniversario del ritrovamento delle sue reliquie miracolose. Nella Grande Mela sono stati due giorni di […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “Come creare una strategia di marketing efficace con l’Intelligenza Artificiale”, è il tema del webinar formativo gratuito, promosso dal Punto Impresa digitale della Camera di Commercio Palermo ed Enna che si svolgerà lunedì prossimo, alle 10. Durante il webinar verranno illustrati gli strumenti di Intelligenza Artificiale più utili per il marketing, ma […]

Abiti per falsa Onlus, scoperta la truffa

indumenti

Qualche giorno fa a Gangi sono apparsi alcuni volantini, affissi nei portoni d'ingresso nella quale una fondazione Onlus torinese cercavano abiti usati per una raccolta benefica. La fondazione effettivamente, esisteva realmente, ma a "fregare" i tre impostori è stata una partita IVA.

Senza che i tre truffatori, due di origine afghana di 24 e 28 anni e un catanese di 49 anni, potessero scoprirlo in tempo, l'Onlus che avevano utilizzato per raccogliere gratutitamente abiti aveva cambiato denominazione e per motivi fiscali, aveva dovuto cambiare partita IVA. I carabinieri, dopo un rapido controllo, hanno potuto verificare come il catanese che passava a raccogliere gli indumenti dei cittadini era un ex dipendente della fondazione cessata e già in passato era stato denunciato dalla sua vecchia sede di lavoro per pratiche scorrette dello stesso tipo.

A finire in galera con lui anche i due truffatori di origine afghana, incaricate di ripulire i 150 sacchi stracolmi di indumenti, prima di venderli in nero ai mercatini dell'usato a Palermo e dintorni.