News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • La tennista azzurra cede contro la rumena Cristian col punteggio di 6-3 6-2.

  • PALERMO (ITALPRESS) – L’Università di Palermo ha conferito la laurea magistrale honoris causa in “Scienze Pedagogiche” al regista televisivo Michele Guardì. La cerimonia si è svolta nella Sala Magna del Complesso Monumentale dello Steri, in piazza Marina, a Palermo. Per Massimo Midiri, rettore dell’Università di Palermo, “è una giornata importante per questo ateneo. Michele Guardì […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Non un semplice riconoscimento per le imprese più virtuose, ma un insieme di spunti per approfondire le sfide che l’attualità richiede a manager, imprenditori e professionisti di ciascun territorio: questo il proposito di Motore Italia, la cui quinta tappa del 2024 ha visto coinvolta la Sicilia con un appuntamento al Circolo Unione […]

Referendum sull'acqua, ecco i primi effetti in Sicilia

acqua

L'onda lunga del referendum arriva a cambiare la gestione delle acque pubbliche, inserite finalmente nel quadro e nel concetto di bene comune. La commissione Territorio ed Ambiente, alla vigilia della giornata mondiale dell'acqua, ha infatti approvato all'unanimità il disegno di legge che restituisce agli enti locali la gestione delle acque .

Nel dettaglio, se il disegno di legge dovesse approdare senza ulteriori modifiche, tutti i cittadini residenti in Sicilia dovranno avere garantita l'erogazione di 50 litri d'acqua al giorno per persona. Un quantitativo ritenuto in linea con le norme già esistenti e che non può essere negato neanche in caso di morosità nel pagamento.

Una vera e propria rivoluzione rispetto a quanto è accaduto nel recente passato, che terrà conto anche del nucleo familiare e di quanto dichiarato nel proprio modello Isee. per le fasce di consumo superiori ai 50 litri pro capite. Al posto dei nove ATO si prefigura l'arrivo di una nuova agenzia regionale per la regolazione dell'erogazione, il ddl prevede di sostituire i nove Ato con una nuova Agenzia regionale per la regolazione e di una sorta di commissione di vigilanza formata da Comuni e Province.

Una soluzione che lascia aperta la questione della manutenzione e della quantità di acqua attualmente garantita dagli impianti esistenti, con percentuali vicine al 50% di acqua dispersa nel passaggio dalla fonte al consumatore nella sola provincia di Agrigento.