News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – Un confronto tra diversi attori istituzionali per riflettere su ruolo e sfide della filiera dell’Healthcare: a promuoverlo è Unicredit, in un incontro tenutosi alla Camera di commercio Palermo-Enna per approfondire le opportunità di crescita non solo delle aziende, ma anche del sud in uno scenario che nei prossimi mesi rischia di vedere […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Affermazione della Cisl Scuola a livello nazionale che moltiplica la propria rappresentanza da 2 a 5 seggi e ottiene di avere componenti in tutti gli ordini di scuola (Infanzia, Primaria, Secondaria di primo e secondo grado). “Si tratta di una bella soddisfazione, ci viene riconosciuto un largo consenso come risultato di un […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – “L’articolo 116 della Costituzione era stato introdotto dal centrosinistra nel 2001 con solo tre voti di scarto in Senato. Adesso se si sono pentiti di questa scelta ne prendiamo atto, ma non vengano a dire che spacca in due il Paese. Il tema del Mezzogiorno è la capacità di spesa: su questo […]

Cammarata naviga in cattive acque a bordo del Molla 2

 molla 2 diego cammarataChi non ricorda la vicenda, finita sui media nazionali grazie ad uno scoop di Striscia la Notizia con Stefania Petyx e il bassotto? Quella che riguardava il noleggio della barca di proprietà dell' Avv. Diego Cammarata (anche Sindaco di Palermo) la Molla 2 – questo è il nome del natante – ormeggiata nel porticciolo di Villa Igea e gestita dal Sig. Franco Alioto (anche dipendente Gesip).
Nonostante le primissime dichiarazioni del tempo dell'Avv. Cammarata, che disse testualmente "la barca non è mia se ne occupano i mie figli" – come dire l'amore paterno... –, l'inchiesta ci fu e ora arriva anche il processo che vede Diego Cammarata e Franco Alioto imputati per abuso d'ufficio e truffa in concorso.
Abuso d'ufficio perché il caso vuole che Diego Cammarata non sia un qualsiasi cittadino ma faccia il Sindaco di Palermo e che Franco Alioto non faccia lo skipper ma sia dipendente di una società del Comune di Palermo, la Gesip, anche se in tre anni, grazie a fogli di permesso speciale, sul posto di lavoro non se ne osservano tracce.
Questo, oltre a generare il concorso in truffa, trascina il proprietario della barca nella responsabilità della frode fiscale perché, a quanto pare – ma questo lo accerterà il processo – non vi è traccia di ricevute fiscali per l'affitto dell'imbarcazione.
Quando si dice... ma non è il caso di tirare i remi in barca?