Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare''

 

Faustino GiacchettoGiacchetto decideva tutto. Il suo sistema corrotto si muoveva su due piani, quello dei bandi per i Grandi Eventi e quello della pianificazione pubblicitaria, cui si lega l'indagine sul Ciapi guidato da Francesco Riggio. Corruzione, placet politico, distruzione della libera concorrenza di mercato.

Grazie alla propria rete di politici compiacenti e di amministratori altrettanto disponibili, Faustino Giacchetto, di fatto scriveva i bandi di gara milionari (i Grandi Eventi) della pubblica amministrazione, chiamati "bandi anomali" dagli stessi inquirenti, pieni di paletti e vincoli che già di fatto "restringevano" la cerchia dei possibili partecipanti e vincitori. Il vincitore era infatti sempre lo stesso. Una delle società di Giacchetto. A questo affiancava una rete di società e di fornitori consolidata, con percentuali di storno a proprio favore, abnormi rispetto al mercato, ed il gioco era fatto.  Oltre a lui infatti ci sono altre 16 persone arrestate più 41 indagati tra politici e funzionari e amministratori.

Il Ciapi. Una precisazione è giusto farla, per evitare che si crei ulteriore confusione:  il Ciapi, seppure un ente per la formazione professionale, non è gestito dall'assessorato all'Istruzione e alla Formazione professionale come sarebbe logico pensare, ma dall'assessorato regionale al Lavoro. Le competenze della vecchia Agenzia Regionale per l'Impiego e la Formazione Professionale, soppressa nel 2012, sono passate infatti al dipartimento regionale del Lavoro, L'impiego e l'orientamento.
L'agenzia regionale per l'impiego è stata guidata per anni da Rino Lo Nigro, arrestato anche lui ieri con Giacchetto e con l'avvocato Francesco Riggio, presidente del Ciapi Palermo.

Il metodo Giacchetto relativamente al Ciapi. Indicava lui stesso alle società interessate, l'offerta da fare all'ente e poi dal Ciapi di cui lui era il centro media o accout manager che dir si voglia, partiva l'ordine d'acquisto. Era l'uomo di punta, l'unico interlocutore del Ciapi e di Italia lavoro Sicilia Spa per ciò che riguarda le campagne pubblicitarie. O si sottostava alle sue condizioni e gli si riconoscevano elevate provvigioni o non si lavorava.

Le dichiarazione di Antonio Vitale e Sergio Colli ex collaboratori di Giacchetto sono chiare: "Per noi si è trattato di una scelta obbligata dovere sottostare alle sue condizioni".
Colli è l'amministratore unico della Media Consulting S.r.l., società che si occupa di comunicazione, convegni, congressi e vari servizi nel campo pubblicitario/congressuale, nonché medico. "Ho assunto tale carica, succedendo ad Angelo Vitale – dirà agli inquirenti nel 2012 – che mi ha ceduto il 100% delle quote di partecipazione nella Media Consulting".

Nel 2008 dietro richiesta di Giacchetto, assume la titolarità della Sicily comunication S.r.l., cambiandone denominazione in Media Consulting S.r.l..
A quel punto inizia a lavorare con il Ciapi: "ll contratto di consulenza con il C.I.A.P.I. – dirà – lo ebbi proprio grazie a GIACCHETTO che mi disse di presentare una domanda al citato Ente e che ci avrebbe pensato lui a farmi avere l'incarico (...)";"(...) sempre grazie al GIACCHETTO, ebbi un altro incarico di consulenza dal C.I.A.P.I. per il progetto LABOR sempre con riguardo all'organizzazione di convegni".

Tra fatture emesse, fatture d'acquisto e prelievi in contanti, erano centinaia di migliaia di euro quelle che finivano nelle tasche di Giacchetto.
Dazioni che venivano fatte a favore degli amici, come Gianmaria Sparma, (anche lui arrestato ieri) cui personalmente Colli consegna nel 2011 una busta contenete 5 mila euro in contanti, da parte di Giacchetto. Il perché di quei soldi rimase a lui sempre sconosciuto. Somme prelevate dai conti correnti della Media Consulting S.r.l. e consegnate a Sparma in più di un occasione . Colli era un esecutore. Era diventato il factotum di Giacchetto e non poteva dirgli di no, pena il licenziamento. E per lui, in difficoltà economiche, 3 mila euro da portare a casa a fine mese erano un cappio al collo.

Dalle ricostruzioni fatte dagli inquirenti, il "sistema" creato da Giacchetto aveva imbrigliato tutte le più importanti concessionarie pubblicitarie e società di allestimenti del territorio. Dalla Damir e l'Alessi per la fornitura di impianti statici e dinamici (cartellonistica e autobus) alla NovantaCento e la GAP per la pianificazione nei periodici cartacei (I Love Sicilia, S e Il Palermo...) la Pk concessionaria dei quotidiani cartacei, per finire con la General Service di Luciano Muratore, quest'ultimo tratto in arresto ieri.

Pianificazioni pubblicitarie di milioni di euro da cui veniva stornata una percentuale del 30% da liquidare alle società di Giacchetto per "diritti di agenzia e di negoziazione" che arrivavano a sfiorare il milione di euro solo per le pianificazioni del CIAPI. Percentuali comunque che sono risultate regolarmente fatturate e che fanno capo ai più diffusi e importanti strumenti di comunicazione regionale e perciò necessari a qualsiasi forma di pubblicità.

Questo emerge chiaramente dalle dichiarazioni di alcuni imprenditori del settore, che ad oggi non risultano comunque indagati, ma ascoltate come soggetti informati sui fatti. Come Giuseppe Amato rappresentante legale della Gap e socio di maggioranza della società editrice Novantacento, che agli inquirenti racconterà: "Nel 2006 Giacchetto gli disse di "formulare un'offerta a tale ente - il Ciapi - per la cessione di Spazi pubblicitari su alcune testate di nostra gestione (es. Donna Moderna, Grazia, Sorrisi e Canzoni, etc. i settimanali più letti d'Italia)".
Fatto l'accordo, il tutto passando da Giacchetto che formulava la richiesta da fare al Ciapi e poi l'ente trasmetteva alla Gap S.r.l. l'ordine di acquisto. Infine, si provvedeva a fatturare la vendita degli Spazi direttamente al C.I.A.P.I. ed a liquidare al magnate della comunicazione provvigioni o meglio "diritti di agenzia e di negoziazione"m che sfioravano anche il milione di auto, spalmato tra le sue società la Sicily comunication S.r.l. e dalla Media Center & Management S.r.l.". Stesso meccanismo utilizzato col Ciapi, valeva per Italia Lavoro Sicilia S.p.A. Anologo modus operandi e analoghe provvigioni a Giacchetto. Resta chiaro che le posizioni sono profondamente diverse, chi è concessionario pubblicitario non ha certo il compito di verificare a monte l'origine dell'acquisto. Nessuno dei concessionari risulta infatti indagato.

Provvigioni superiori alle condizioni generali del mercato ma, o si accettava o si era fuori.
C'è da chiedersi se questo resta un buon motivo per essere moralmente complici di un sistema che comunque palesava gravi "anomalie".
Certo può valere ricordare che nella vita al SI esiste un contrario diretto cioè dire NO.

M.Ge.

© Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI: 

Cene, vacanze e altri 'divertimenti' con soldi pubblici. Politici nella bufera, 17 arresti - I NOMI

La beatificazione di padre Puglisi ''affidata'' a Luciano Muratore, uno dei 17 arrestati di oggi

Formazione e Grandi eventi, due inchieste collegate tra loro. Vi spieghiamo perchè

Soldi, potere, scandali e inchieste. E i politici si dicono 'estranei'

Scandalo formazione e grandi eventi. I dipendenti regionali coinvolti saranno sospesi. E i politici?

 

 

Commenti  

 
#7 SIAMO AL PARADOSSOADOMEX - QTSICILIA 2013-06-21 09:25
Conosco Ugo Piazza e conosco anche il mondo della comunicazione pubblica che in questi anni ha monopolizzato questo settore nella Regione Siciliana. Lo conosco anche per una mia personale attività di consulenza presso il Dip. della Programmazione con particolare riferimento proprio ai cd piani di comunicazione afferenti al PO FERS 2007/2013. Mi sono ritirato, unico caso nella storia, ho rinunziato all'incarico allorquando mi sono accorto che il muro di plastica alzato da questa comitiva che oggi è ritenuta responsabile dagli inquirenti di detta anomalia era "invincibile". Detto ciò ritengo che il primo esempio di liberizzazione si è verificata proprio con l'avvento reale e non fittizio di Info srl, con la quale Piazza collabora, che venendo da altra terra e altra cultura ha immesso discontinuità anche nei fornitori di servizi che non entravano nel "cerchio magico di Giacchetto & C. Confermo che Piazza è uomo serio e che ha subito un ostracismo senza pudore proprio da parte dei cosìdetti padroni della comunicazione che oggi vediamo su tutti i giornali. A mio avviso ancora molte persone mancano, ma questo è compito della magistratura completare l'elenco, oggi possiamo plaudire senza ulteriori fronzoli a questa azione meritoria che squarcia il velo su un sistema immobile che non faceva intravedere speranza. Caro Ugo futtitinni, le persone hanno valore non per ciò che formalmente rappresentano ma per la propria storia personale e la tua è esempio. Andiamo avanti. Adomex
 
 
#6 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' Piazza Ugo 2013-06-21 09:08
Caro Mario la differenza tra persone si vede dai comportamenti e dalle affermazioni che si fanno. Io mi chiamo UGO PIAZZA e credo che ci sia anche uno stato che possa tutelare i cittadini. Lei ha fatto delle affermazioni, e per farle sono sicuro che le ritiene vere, perciò se ne assume la responsabilità. Saranno gli organismi competenti ad accertare la verità, in uno stato di diritto funziona così. Se quello che lei sostiene è vero il mio consiglio è oltre a scrivere affermazioni così gravi e ingiurianti di rivolgersi anche lei agli organismi giudiziari formalizzando un esposto a conferma di quanto da lei dichiarato. Questa è la stra giusta. Un primo passo in coerenza a quello che afferma potrebbe essere formalizzare la sua identità, per deflazionare l'attività della polizia postale che comunque ha gli strumenti per accertarla. AugurandoLe buona giornata.
 
 
#5 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' Giorgia 2013-06-21 08:56
Piazza non basta la patente di onestá per essere onesti
 
 
#4 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' Mario 2013-06-21 08:48
Benissimo avremo un uditorio qualificato. Io non minacciò nessuno ma la verità deve essere scritta ...sempre. Dicci allora qual'é il tuo ruolo, potremmo esserci sbagliati, che ne dici, se le notizie sono errate replica invece di minacciare tu
 
 
#3 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' Paola Lanzafame 2013-06-21 08:39
Giacchetto era conosciuto da tutti e a tutti pur di lavorare andava bene subire e sottostare! Tutti vittime di Giacchetto e non solo sue in fondo, ma allo stesso tempo tutti lo hanno aiutato a fare andare avanti questo schifo! Signor Mario lasci perdere, che Piazza è persona onesta e così i giornalisti che lavorano a Palermo Report, che racconta verità e non finzione e infatti ecco gli attacchi. Si Vergogni!
 
 
#2 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' U.piaz- 2013-06-21 00:04
Carissimo mario, non solo pubblichiamo il commento, ma chiediamo verità proprio come te... Per questo motivo domani il tuo commento sara' oggetto di denuncia alla polizia postale e alla procura della repubblica, che farà tutti gli accertamenti del caso anche sulla provenienza del tuo commento che suona un Po come minaccia... Da cui non ci faremo certo intimidire. Intanto per esempio perche' non ti firmi nome e cognome? A
 
 
#1 RE: Faustino Giacchetto, il MAGNA…te della comunicazione: ''Lui era l’unico mezzo per poter lavorare'' mario 2013-06-20 21:14
:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :
MI FATE RIDERE VOI DI REPORT PALERMO O MEGLIO PIAZZA GROUP, ANCHE VOI NEL VS PICCOLO VI COMPORTATE COME GIACCHETTO. DI SICILIA FUTURO PIAZZA E' IN CABINA DI REGIA PER LA COMUNICAZIONE MA E' ANCHE IL FRUITORE DELLA PUBBLICITA' E NON SOLO. ANCHE AMICO DI FORESTA E AMATO CHE CON GIACCHETTO ANDAVANO MOOOOOOLTO D'ACCORDO. UGO PIAZZA RENDI PUBBLICO TUTTO DICCI CHE SEI IL BASISTA DI INFO SRL MA CHE FAI I TUOI CAZZI. ORA SAPPIAMO BENISSIMO CHE NON PUBBLICHERAI QUESTO COMMENTO MA NOI LO MANDEREMO A TUTTE LE TESTATE ON-LINE DELLA SICILIA. MALFATTORE
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna