Crollo alla Vucciria, Sel ''Si investa in sicurezza e non in centri commerciali''

palazzina-crollata-vucciria Palermo – Un censimento degli edifici a rischio, un preciso programma di interventi da avviare tempestivamente e un maggiore impegno economico per la messa in sicurezza della città. E' quanto chiede Sinistra Ecologia e Libertà al Comune di Palermo, dopo il crollo avvenuto ieri sera in piazza Garraffello, nel cuore dello storico mercato della Vucciria.

"Già due mesi fa – interviene il coordinatore provinciale di Sel Palermo, Simone Di Trapani – avevamo denunciato l'allarmante situazione di molti edifici in città. Avevamo sottolineato che il crollo di via Bagolino non poteva essere considerato come un episodio isolato, ma il primo gravissimo esempio di una situazione non più tollerabile. Gli edifici con evidenti problemi strutturali sono decine. Possibile che nessuno li veda?".

"Per fortuna – aggiunge Di Trapani – ieri sera non ci sono state vittime, ma non possiamo sempre sfidare la sorte. L'amministrazione deve intervenire prima, sul fronte della prevenzione dei pericoli e della tutela del territorio, non dopo. L'amministrazione non può arrivare sempre tardi, quando c'è da contare i danni o, nel caso peggiore, le vittime".

"Per questo – conclude il coordinatore provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà – chiediamo che il Comune si attivi da subito per inventariare gli edifici fatiscenti e a forte rischio. Chiediamo che si programmino azioni di messa in sicurezza del territorio, agendo non solo nel centro storico, ma anche nelle zone a forte rischio idrogeologico. Interventi che sarebbero anche il volano di quella economia sana di cui spesso si parla . Usiamo i fondi dei Prusst per la sicurezza e non per costruire centri commerciali".

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna