Ikea lascia Palermo. Interrotti i dialoghi con l'Amministrazione Comunale. Palermo perde l'ennesima occasione

 


Avevamo già trattato l'argomento in maniera approfondita raccontando vari retroscena di tutta la vicenda, che se pur resa nota pochi mesi fa aveva avuto inizio circa un anno addietro. Ikea il colosso svedese sembrerebbe non aver gradito tutti gli intoppi e lungaggini burocratiche necessarie, ma sopratutto l'area destinata dal comune per lo stabilimento che avrebbe dato lavoro a circa 200 persone. Ecco l'ennesima occasione persa per la nostra città, nella desertificazione commerciale che ormai la caratterizza e le migliaia di posti di lavoro persi, non si è riusciti a trovare " la quadra" con il colosso Svedese. È quanto si evince anche dalle parole di Alberto Mangano, presidente della Sesta commissione Urbanistica che ha dichiarato: "Non abbiamo avuto più notizie dall'azienda. Non so cosa prevedano i loro piani, ma ritengo che un polo Ikea nella Sicilia occidentale si debba realizzare. Ma a Palermo la situazione è problematica, un altro intervento sul modello dei centri commerciali Forum o Conca d'oro, il territorio non potrebbe sopportarlo".

Da alcune indiscrezioni sembrerebbe che una possibilità potrebbe essere Termini Imerese dove il Sindaco Salvatore Burrafato si è reso disponibile ad accogliere l'insediamento commerciale e sembrerebbe abbia già scritto una lettera ai rappresentanti di Ikea per ufficializzare tale intenzione.
Palermo perde l'ennesima occasione.

 Leggi anche: Ikea a Palermo ecco la verità

Commenti  

 
#3 RE: Ikea lascia Palermo. Interrotti i dialoghi con l'Amministrazio ne Comunale. Palermo perde l'ennesima occasioneCiccio Rigoli 2014-09-03 22:25
Spiego: Mi chiamo Alberto. Ho fatto l'Assessore in quota coop rosse per tanti anni. Gli sono rimasto fedele. Se Ikea apre, il Forum chiude rapido. Come pure il già morente Conca d'Oro. Ergo: "Il territorio non potrebbe sopportarlo".
 
 
#2 DISNEYadalberto 2014-09-03 12:20
Voi siete giovani e non sapete. ma, informatevi. Doveva aprire in sicilia anche la Disney. Si mise d'accordo con la mafia (brecciolino, sbancamenti e guardianìa) ma non riuscì a prendere accordi con le richieste di tangenti per i politici. Loro, ancora litigano. La Disney se n'è andata a Parigi. La stessa cosa si è ripetuta dopo con una grossa azienda svizzera di divertimenti. Uguale !!! e Ricordate sciacca mare? informatevi...
 
 
#1 RE: kea lascia Palermo. Interrotti i dialoghi con l'Amministrazio ne Comunale. Palermo perde l'ennesima occasioneLiquid883 2014-09-03 09:49
E' vero che Palermo ha perso una grande occasione ma non si può vivere solo di centri commerciali. E la piccola e medio impresa dove la mettiamo?
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna