Il tentato omidicio dell'imprenditore Giuseppe Toia: fermato un uomo

Vetrano Salvatore

C'è una svolta nelle indagini sul tentato omicidio di Giuseppe Toia, l'imprenditore di Isola delle Femmine, che la notte del 18 maggio scorso, è stato ferito all'addome da un colpo di pistola calibro 9, durante un agguato.

Le indagini portate avanti dai Carabinieri della Compagnia di Carini e della Stazione di Isola delle Femmine, hanno portato la Procura della Repubblica di Palermo (Procuratore Aggiunto Dott. Maurizio Scalia e Sostituto Procuratore Dott. Calogero Ferrara) ad emettere un provvedimento di fermo nei confronti di Salvatore Vetrano, quarantenne palermitano. Secondo la ricostruzione degli eventi, Toia si trovava in ristorante di Palermo in compagnia di una donna, Anna Bruno. Ed è davanti all'abitazione della donna, che Toia aveva riaccompagnato a casa, che al buio si era avvicinato Vetrano, geloso della donna, che infuriato per l'incontro tra i due, aveva fatto fuoco con l'arma a distanza ravvicinata: un colpo che solo fortunosamente non provoca lesioni letali, penetrando nell'addome e fuoriuscendo dalla schiena senza attingere organi vitali.

Subito dopo l'aggressione il malvivente era fuggito a bordo di un'autovettura facendo perdere le proprie tracce. Toia fu stato soccorso da Antonino Billeci, che casualmente si trovava a passare di lì dopo la chiusura del locale che gestisce.

Si attendono ora le decisioni del GIP e le eventuali dichiarazioni di Vetrano. Procedono anche gli accertamenti per individuare le condotte di favoreggiamento da parte dei testimoni falsi o reticenti, la presenza di eventuali complici presenti sul luogo del delitto e la disponibilità dell'arma.

 

 

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna