Gli studenti ''occupano'' i Cantieri culturali: ''Affidateli a noi''

Occupazione simbolica del Cantiere culturale della Zisa da parte degli studenti del Liceo artistico "Almeyda" di Palermo. Il 'blitz' nel corso di una visita didattica nella struttura che nelle intenzioni sarebbe dovuta diventare il polmone culturale della città.

Presi di mira dai ragazzi divisi gruppi i padiglioni abbandonati, con l'obiettivo di spiegare ai presenti le ragioni dell'iniziativa e di appendere alcuni manifesti che rivendicano il diritto di utilizzare gli spazi lasciati nel degrado. Al fianco degli studenti i docenti.

"La nostra scuola - spiega l'insegnante di Scienze pittoriche Carmelo Lo Curto - dovebbe avere laboratori di pittura, scenografia, disegno scultura. Ma non abbiamo gli spazi. Queste aree abbandonate potrebbero essere una grande opportunità anche per la città e una leva importante per la maturazione di nuove generazioni di artisti". "Affidateli a noi", dicono gli studenti attraverso quei cartelloni e la loro protesta pacifica: "Il Comune ce li affidi, mostrando di avere fiducia in noi e nelle nostre professionalita', permettendoci di crescere".

 

Commenti  

 
#3 Liceo artistico, "la mia seconda casa".Jessica Failla 2012-12-04 20:18
Allora, secondo me state un pò esagerando entrambi. Noi del liceo artistico Damiani Almeyda, siamo venuti ai Cantieri Cultrali per cercare di avere qualcosa che a noi serve (visto che potremmo usufruire di questo spazio abbastanza ampio per mostre e quant'altro)e che non appartiene A NESSUNO!!! Noi stiamo provando e basta. Se voi siete cosi "affannati" e gelosi di un edificio che nemmeno vi degnate di guardare, non vedo per quale motivo non abbiate fatto VOI per primi qualcosa per impossessarvene , quindi con tutto rispetto, non rompete e continuate a fare il vostro lavoro perchè sappiate che quelli del Liceo Artistico Statale Damiani Almeyda sono presenti e propizi, insieme anche e soprattutto ai docenti, a farlo proprio!! Ah e per la cronaca, il mio liceo è UN LICEO VERO E PROPRIO, non è l edificio bello che fa uscire una persona colta e sapiente, anzi, spesso e volentieri è proprio quando una persona si arrangia cerca da sola i mezzi che matura.
 
 
+2 #2 Articolo nn ben documentatoEly 2012-12-03 22:23
Vorrei sottolineare che i cantieri sn ad oggi spazi occupati dall'accademia di belle arti e dal centro sperimentale di cinematografia , nn sn abbandonati come l'articolo sembra suggerire
 
 
+1 #1 l'artistico da sempre senza casamarcello 2012-12-03 18:17
E' antico di molti decenni il problema del liceo artistico di Palermo (un tempo unico, adesso trino) di andare vagando per la città senza una sede degna di poter essere dichiarata "LICEO ARTISTICO". Questo liceo è stato sempre alloggiato in edifici con spazi del tutto inadeguati alle esperienze didattiche che in esso vengono svolte. Una classe del liceo artistico non opera solo tra banchi e lavagne (anche multimediali), bensì tra cavalletti e scannetti, con modelli e composizioni "in posa" in uno spazio tutto loro. Un alunno del liceo artisyico produce opere bi/tridimension ali di grande formato. Questa specificità non è stata mai tenuta in considerazione dagli enti preposti all'edilizia scolastica, i quali -tra l'altro - hanno sempre preferito rimpinguare le tasche di qualche privato con affitti annuali esorbitanti, anziché utilizzare queste risorse per l'edificazione/ ristrutturazine di un istituto ad hoc. A nulla sono valse le annose e reiterate proteste e richieste di intere generazioni di studenti e docenti per avere un proprio liceo artistico.
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna