Gli imprenditori si ribellano al racket, due arresti per tentata estorsione

 

Due uomini sono finiti in manette, a Palermo, con l'accusa di tentata estorsione. I due avevano tentato di ottenere del denaro da alcuni imprenditori di Termini Imerese, senza mettere in conto però che le vittime si sarebbero rivolte ai Carabinieri.

In carcere sono finiti i due disoccupati palermitani Vittorio Sabatino, 33 anni, residente a Trabia, ed Eugenio Gulizzi, 30 anni.

Secondo quanto reso noto dai militari,gli imprenditori di Termini erano stati avvicinati a novembre dai due giovani, già arrestati in passato dalla Polizia per fatti analoghi, per ottenere denaro, anche facendo ricorso a pesanti minacce. In una circostanza la richiesta estorsiva ammontava a 20.000 euro.

La collaborazione delle vittime e le indagini hanno consentito al gip di emettere l'ordinanza di custodia cautelare in carcere e di rinchiuderli al Pagliarelli di Palermo.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna