News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • PALERMO (ITALPRESS) – A vincere la quarta edizione della finale regionale del “Premio Cambiamenti”, contest nazionale promosso dalla Cna, è stata “Quvita”, sturt-up di Catania che si occupa di telemedicina, monitoraggio e salute dei pazienti a domicilio tramite cartelle cliniche digitati personalizzate. Ad illustrare il progetto, Giuseppe Cutuli che ha convinto la qualificata giuria, coordinata […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Un combinato di ricadute legate a fattori culturali, economici e ambientali mette di fronte all’urgenza di ripensare un modello di sanità e di assistenza che abbia una visione globale, in cui salute e malattia sono il risultato di condizioni biologiche, ma anche di “determinanti” sociali che generano disuguaglianze di salute. A conferma, […]

  • PALERMO (ITALPRESS) – Un percorso che coinvolge tutte le regioni d’Italia non solo in un’ottica di sensibilizzazione, ma anche di confronto tra attori istituzionali nella ricerca di soluzioni comuni: un insieme di temi trattato negli “Stati generali sulle disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo in Sicilia”, organizzati da Anffas a Palazzo dei Normanni, a Palermo.All’evento, […]

Ecco i risultati, disastrosi, dell'esperimento differenziata

bellolampo

Mentre si aspetta il nuovo piano ambientale da presentare a Bruxelles sotto la supervisione del ministro per l'ambiente Clini, arrivano i primi dati sulla raccolta differenziata in città. A Palermo attualmente solo l'8-9% dell'intera raccolta dei rifiuti viene destinata alla differenziata, nonostante in diverse zone della città siano presenti le strutture adeguate per poter avviare uno studio pilota sul corretto funzionamento del sistema di raccolta. Un vero e proprio flop.

Sarà come partire da zero. A nulla sono servite le quattordici unita' suddivise in cinque pattuglie, tre in azione al mattino e due al pomeriggio, con il compito di passare al setaccio la citta' per individuare e multare eventuali trasgressori. Dallo scorso gennaio ad oggi nell'area interessata dalla raccolta porta a porta sono stati effettuati 668 controlli e comminate 143 sanzioni.

Il capo dei vigili urbani, Vincenzo Messina, lamenta la carenza di mezzi e lo scarso peso delle multe affibbiate ai trasgressori. Con "appena" 50 euro, è difficile che un palermitano confuso dalla raccolta differenziata possa cambiare il suo approccio nei confronti della gestione dei rifiuti. In alcune città la multa può arrivare fino ad un massimo di 400 euro, pena di solito inflitta nei comuni con tassi di raccolta differenziata vicini al 70-80%.

E per aggirare la norma, pare che i palermitani siano ricorsi alla trasferta da pattumiera: "la repressione non e' sufficiente a far funzionare bene la differenziata, occorre la collaborazione dei cittadini, che, invece, spesso vanno a conferire i rifiuti nelle zone limitrofe non interessate dal porta a porta.

Questo e' indice -afferma il capo dei vigili urbani, Vincenzo Messina - o di una scarsa sensibilita' degli utenti oppure di una non efficiente raccolta da parte dell'Amia. Noi da parte nostra siamo disponibili a dialogare con l'azienda per migliorare il servizio. Tra le aree piu' indisciplinate c'e' proprio il salotto di Palermo, zone centrali come via Nortabartolo, via Liberta' e piazza Vittorio Veneto, ma anche l'area Cuba-Calatafimi."

La missione, al limite dell'inverosimile, è quella di raggiungere il 20-25% di raccolta differenziata entro ottobre, con l'arrivo di nuovi mezzi e cassonetti idonei al diverso tipo di rifiuti. Piccola sorpresa, accanto ai nuovi mezzi, spunterà una nuova figura di controllo, il cosiddetto ispettore ecologico. Il corpo speciale sarà composto una cinquantina di persone che avranno il compito di passare ai raggi x la citta' per "un'opera di informazione e repressione".

Attenti ai rifiuti che lasciate in giro o agli escrementi dei vostri animali a passeggio. Potreste incorrere nell'implacabile Hulk del pattume.

 

Commenti  

 
#6 sigrormassimiliano 2012-08-01 14:22
La raccolta differenziata è un segno di civiltà e di responsabilità nei confronti delle generazioni future. Nessuno può permettersi il lusso di dire < a me non interessa >. Il rispetto per la Terra e la Natura non è più procastinabile. Ciacuno faccia la propria parte senza stare a guardare cosa fanno gli altri. Ciascuno si faccia promotore di ogni iniziativa utile a migliorare la vita nella propria strada, quartiere, città, paese e mondo. :-)
 
 
#5 Le genialaterita 2012-07-27 10:10
Senza contare i disagi causati a chi, come coglioni, viene obbligato a farla, sapendo che pochi la stanno facendo, dovendo sopportare il fetore dell'organico in casa . Quando governano i geni, soltanto genialate possono fare.
 
 
+1 #4 RE: Ecco i risultati, disastrosi, dell'esperiment o differenziataandrea 2012-07-10 00:58
. . . direi che non sempre è colpa del cittadino . . . nella mia zona ad esempio (case ex iacp -di fronte bar recupero) spesso carone e plastica risiedono 15 giorni . . . vi lascio immaginare quando piove, visto che non c'è un contenitore per il cartone!
 
 
+1 #3 RE: Ecco i risultati, disastrosi, dell'esperiment o differenziataAlessandro 2012-07-09 16:13
Prima ancora della differenziata, ai "bravi" cittadini palermitani si devono impartire lezioni di "civiltà normale".Vedo per la città gente che butta la spazzatura alle 4 del pomeriggio,alle 8 di mattina prima di andare al lavoro, e non si può nemmeno riprenderli anche in modo socievole altrimenti ti aggrediscono.Ec co il livello di differenziata palermitana!
 
 
+2 #2 A Gela comincia a funzionareMaria Rosa Nobile 2012-07-09 11:28
Certo i piccoli centri sono più gestibili rispetto alle grandi città. A gela la raccolta differenziata porta a porta funziona e anche se i ilivelli di raccolta vanno migliorati comunque c'è meno sopazzatura in giro
 
 
+2 #1 RE: Ecco i risultati, disastrosi, dell'esperiment o differenziataCristina 2012-07-09 08:57
Ho sempre sostenuto in effetti quanto sia strano che in una città come Palermo ancora non si parli di Raccolta differenziata per tutte le zone e non ci sia un vero e proprio controllo. é davvero un peccato vedere lo scempio per le strade della città simbolo della Sicilia e sede della regione. Speriamo che maggiore rigore porti una situazione più rosea e "profumata".
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna