News Sicilia

Agenzia di Stampa Italpress
  • L’AQUILA (ITALPRESS) – E’ morto il boss mafioso Matteo Messina Denaro. L’uomo, 61 anni, si è spento all’ospedale dell’Aquila dove si trovava ricoverato per un cancro al colon, dopo che dallo scorso venerdì era in come irreversibile. L’esponente mafioso era stato arrestato il 16 gennaio scorso in una clinica di Palermo dopo trenta anni di […]

  • Storico primo titolo iridato per l'Italia a Veracruz, in Messico.

  • “E’ stato un incontro proficuo e cordiale – per parlare del futuro e della crescita dell’aeroporto internazionale Falcone Borsellino di Palermo – quello che si è svolto nei locali del centro direzionale di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo, con il viceministro delle infrastrutture e dei trasporti Galeazzo Bignami, in visita nella struttura […]

Buona la terza. Berlusconi è stato ascoltato dai pm di Palermo

Dopo due forfait per impegni istituzionali e la contestazione da parte del suo difensore Nicolò Ghedini, sull'incompetenza della Procura di Palermo sull'indagine, Silvio Berlusconi alla fine è stato sentito dai pm di Palermo come testimone, in merito all'indagine sulla presunta estorsione compiuta dal senatore Marcello Dell'Utri ai suoi danni.

E' stato ascoltato per circa tre ore, in una caserma della Guardia di Finanza in via dell'Olmata a Roma, accompagnato dai suoi legali Niccolò Ghedini e Luigi Longo che in una nota diffusa alla stampa hanno scritto "Il presidente Berlusconi - scrivono in una nota - ha chiarito compiutamente tutti gli aspetti della vicenda ".L'accusa contestata a Dell'utri è quella di estorsione nei confronti dell'ex premier Silvio Berlusconi dal quale, nell'arco di dici anni si sarebbe fatto versare somme che ammontano a più di 40 milioni, fondi disposti sottoforma di prestiti ed esborsi. Un'inchiesta che è in qualche modo legata al filone relativo alla trattativa stato – mafia. Quei soldi servirono per "comprare" il silenzio di Dell'Utri su rapporti di Berlusconi con ambienti mafiosi? Erano somme che il senatore doveva "girare" alle cosche mafiose? L'indagine mira ad accertare (anche) questo. L'inchiesta dunque si riallaccia al filone centrale che coinvolge mafiosi, politici, alti esponenti delle forze dell'ordine, ministri, 12 in tutto, per cui è stato richiesto il rinvio a giudizio.

 I Pm Nino Di Matteo e Francesco Del Bene non sarebbero stati d'accordo a spostarsi a Roma e pare che il procuratore Francesco Messineo, abbia quindi scelto di portare all'interrogatorio l'aggiunto Antonio Ingroia e Lia Sava. E così è stato.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna