Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su Ustica

logo-sbCome descritto nella prima parte della nostra inchiesta, la struttura militare che ha operato sui cieli di Ustica era solo il terminale di una vasta operazione militare pronta a spodestare il regime di Gheddafi nel giro di pochi giorni con un'azione coordinata. Ancora oggi, di quella struttura militare è rimasta una traccia, una sorta di club di reduci che ci accingiamo a descrivervi.

Il loro simbolo ufficiale descrive già la struttura. La prima parte riporta il simbolo della NATO e quello di Gladio a cui si aggiunge un motto eloquente su fascia tricolore: Silendo Libertatem Servo, ovvero in silenzio servo la Libertà. Gladio era la struttura che gli americani misero in piedi nell'immediato dopoguerra per evitare una rivoluzione comunista in Italia, preparare un esercito di resistenza in caso di guerra civile e contemporanemente, vigilare sul comportamento della Repubblica Italiana nel mantenimento del patto atlantico. Una struttura in grado di scavalcare i partiti e le istituzioni, attiva dal 1946 fino ai primi anni '90, quando uno dei suoi affiliati più illustri, Francesco Cossiga, decise di parlarne apertamente. Ne facevano parte politici, giornalisti, avvocati, professionisti e ammiratori degli USA, riuniti tutti da un unico intento. Mantenere il legame con gli USA sempre unito, a tutti i costi.

Una parte di Gladio negli anni tentò un colpo di stato nella notte dell'Immacolata tra il 7 e l'8 dicembre 1970, passato alla storia come il Golpe Borgheseun'altra parte cercò di cambiare il panorama politico coagulandosi in quella che passò alla storia come la P2 (intento riuscito poi sotto altre sigle e altri simboli) ma il suo cuore pulsante, l'ala militare, rimase sempre Stay Behind.

Il gruppo di fuoco di Stay Behind, sigla militare che indica da sempre una struttura militare pronta ad impiantare un movimento di resistenza ad eventuali aggressioni esterne, prende il suo spunto morale e la sua base militare da un episodio della seconda guerra mondiale, ovvero quello delle Malghe di Porzus. In quella località del Friuli, il 7 febbraio del 1945 partigiani italiani di estrazione cattolica e socialista furono uccisi dai partigiani italiani di estrazione comunista dei GUP (Gruppi di Azione Partigiana) vicini al dittatore jugoslavo Tito. Si tratta di una delle pagine più dolorose e complesse della Resistenza Italiana, una data ed un episodio che segna la nascita di quell'anticomunismo viscerale e getta le basi storiche di quel predominio che la DC esercita per 50 anni e che termina soltanto con l'ascesca a Presidente del Consiglio di Massimo D'Alema. I firmatari di Gladio e Stay Behind faranno di tutto per evitare ed ostacolare l'ascesca comunista, persino sacrificare Aldo Moro, colpevole di aver tentato un dialogo con l'ala sinistra della DC, nonostante le richieste del Papa e di Bettino Craxi.

La storia di Stay Behind in questi ultimi due anni ha vissuto momenti di tensione, dopo che il presidente Antonio Sanviti è stato accusato dal generale Paolo Inzerilli di comportamento scorretto. Paolo Inzerilli infatti si è battuto per fare in modo che i militari coinvolti in Stay Behind avessero riconosciuta una pensione, in quanto servitori dello Stato, nonostante la struttura militare fosse coperta dal massimo segreto, il che rende difficile il conteggio dei contributi a fini pensionistici. 

A rendere possibili i contenunti pensionistici dei combattenti di Stay Behind è stata la legge 1532/2009, firmata da Cossiga, Alicata, Compagna, Cuffaro, D’Ambrosio Lettieri, Malan, Ramponi, Valentino e Saia. Di Cossiga sappiamo quasi tutto, Cuffaro è in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, D'Amborso Lettieri è stato un componente della Fondazione Banco di Sicilia e presidente dell'Ordine dei Farmacisti. Un provvedimento sostenuto sia dall'allore presindete del Consiglio, Silvio Berlusconi che dall'allora segretario del PD, Dario Franceschini. 

Capire la struttura e l'importanza di Stay Behind è fondamentale per rendersi conto di come la Strage di Ustica è solo uno dei tanti passaggi in cui Gladio ha operato durante la storia della Repubblica Italiana. Su questa base politica, militare ed intelligence è stato possibile tessere una parte della trama che spiega in maniera esaustiva quanto accaduto ad Ustica. Ma non basta, c'è ancora molto altro da aggiungere.

Continua...

Commenti  

 
#25 Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su UsticaJoesph 2019-07-18 08:24
Please let me know if you're looking for a author for your weblog.
You have some really good posts and I believe I would be
a good asset. If you ever want to take some of the load off, I'd absolutely love to write
some material for your blog in exchange for a link back to mine.
Please blast me an email if interested. Many thanks!
 
 
#24 Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su UsticaWilburnBig 2019-07-12 18:22
Hello. I have checked your palermoreport.i t and i see you've got some duplicate content so probably it is the reason that you don't rank hi in google.

But you can fix this issue fast. There is a tool that creates articles like human, just search in google:
miftolo's tools
 
 
#23 Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su UsticaBestCoy 2018-11-20 21:06
I have noticed you don't monetize your site, don't waste your traffic,
you can earn additional cash every month. You can use the best adsense alternative for any type of website
(they approve all websites), for more details simply search in gooogle: boorfe's
tips monetize your website
 
 
#22 Non condividoPino 2018-02-23 01:21
Non condivido questo articolo. Da quanto ho potuto studiare e approfondire sull'argomento in questione, non ho mai trovato alcun riferimento di stay behind nella strage di ustica, nè tantomeno nella p2 o nel golpe borghese.
 
 
#21 Non condividoPino 2018-02-23 01:21
Non condivido questo articolo. Da quanto ho potuto studiare e approfondire sull'argomento in questione, non ho mai trovato alcun riferimento di stay behind nella strage di ustica, nè tantomeno nella p2 o nel golpe borghese.
 
 
#20 Non condividoPino 2018-02-23 01:21
Non condivido questo articolo. Da quanto ho potuto studiare e approfondire sull'argomento in questione, non ho mai trovato alcun riferimento di stay behind nella strage di ustica, nè tantomeno nella p2 o nel golpe borghese.
 
 
#19 Non condividoPino 2018-02-23 01:21
Non condivido questo articolo. Da quanto ho potuto studiare e approfondire sull'argomento in questione, non ho mai trovato alcun riferimento di stay behind nella strage di ustica, nè tantomeno nella p2 o nel golpe borghese.
 
 
#18 Non condividoPino 2018-02-23 01:21
Non condivido questo articolo. Da quanto ho potuto studiare e approfondire sull'argomento in questione, non ho mai trovato alcun riferimento di stay behind nella strage di ustica, nè tantomeno nella p2 o nel golpe borghese.
 
 
#17 Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su UsticaBHW 2017-04-16 01:15
Hi there! This blog post couldn't be written any better!

Looking through this article reminds me of my previous roommate!
He always kept talking about this. I most certainly will forward this information to him.
Pretty sure he will have a great read. Thanks for sharing!
 
 
#16 Ecco cosa è rimasto di Stay Behind, la struttura militare che operò per 50 anni, anche su UsticaBHW 2017-04-10 04:23
Hi there, of course this paragraph is in fact good and I have learned
lot of things from it regarding blogging. thanks.
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna